Dolomiti Lagorai MTB Challenge

Dolomiti Lagorai MTB Challenge atto 2°. Toldo e Deganello decisamente "Over the Top"

Se la prima era buona… la seconda è ancora meglio! La tappa odierna del Dolomiti Lagorai MTB Challenge è stata una cavalcata di 111 km con 3456 metri di dislivello, con i bikers ad “esplorare” il Lagorai Centrale, il Vanoi ed il Tesino, ma con partenza ed arrivo in Valsugana, a Roncegno Terme (TN).

,
photo credits ©Newspower
2001 visualizzazioni

Se la prima era buona… la seconda è ancora meglio! La tappa odierna del Dolomiti Lagorai MTB Challenge è stata una cavalcata di 111 km con 3456 metri di dislivello, con i bikers ad “esplorare” il Lagorai Centrale, il Vanoi ed il Tesino, ma con partenza ed arrivo in Valsugana, a Roncegno Terme (TN).

Era la tappa più temuta, soprattutto per l’interminabile e dura salita che portava al Passo Cinque Croci, ad oltre 2000 metri, ma che evidentemente non ha spaventato i vicentini Massimiliano Toldo e Denis Deganello capaci di replicare il successo della prima giornata con 6h35’09”.

Partenza di buon mattino (7.30) dal centro di Roncegno per i bikers i quali, dopo una breve escursione lungo la pista ciclabile, sono entrati subito nell’atmosfera del Dolomiti Lagorai MTB Challenge ed hanno affrontato un tratto del percorso della nota 3TBike, attraverso il parco fluviale di Carzano e la salita di Sant’Antonio, un impegnativo acciottolato che ha subito frantumato il gruppo.
Dopo un tratto di salita verso il Passo Manghen i concorrenti hanno infilato la suggestiva Val Campelle, per affrontare quindi l’ascesa al Passo Cinque Croci dove la vista spazia su una corona di montagne sovrastate dal Cima D’Asta, una autentica cartolina. Dopo una veloce discesa i partecipanti hanno superato anche la salita di Passo Brocon, per lanciarsi poi verso il fondovalle.
Massimiliano Toldo e Denis Deganello hanno rotto gli indugi già sulla salita di Sant’Antonio. Un passo nettamente superiore a quello degli avversari il loro, con Fabio Belotti e Chiara Mandelli che hanno cercato di contenere il distacco e mantenere il ritmo. E ci sono riusciti senza problemi, visto che anche oggi si sono piazzati secondi (6h41’28”) ad appena 6’. Dietro i valsuganotti Maurizio Agostini e Agostino Pasqualini (7h3’2”) ancora a podio ma con l’intento di non strafare.

La corsa era da affrontare con l’ausilio del GPS e in qualche caso gli errori di percorso hanno condizionato la gara. È successo anche ai leaders Toldo e Deganello, i quali nel finale hanno smarrito la traccia e sono finiti fuori strada, ma il loro vantaggio li ha messi al sicuro da brutte sorprese. I due vicentini prima di presentarsi sul traguardo sono passati in pieno centro a Borgo, dove transita l’apprezzata pista ciclabile della Valsugana, salutati dal sindaco Dalledonne che pure lui ha sfidato il caldo torrido del fondovalle, mentre in quota i bikers hanno potuto approfittare della brezza fresca.
Ora, dopo due tappe disputate, la coppia vicentina è al comando col tempo totale di 12h2’59”, con un largo margine sui bergamaschi Belotti e Mandelli (12h18’52”), dato che comunque non è determinante, visto che domani l’ultima frazione, seppure meno lunga con 53 km di percorso, somma con le sole salite un dislivello di 2.290 metri.

Decisamente ‘ambasciatori turistici’ del territorio, i due vincitori hanno detto ai cronisti: “Oggi ho sofferto un po’ di crisi – ha affermato Deganello - sono partito con le gambe un po’ indolenzite, sul passo Cinque Croci la gamba buona è tornata, lassù ho ammirato paesaggi mozzafiato, addirittura da pelle d’oca, poi abbiamo affrontato la discesa fino all’imbocco del passo Brocon, peccato che c’era asfalto. Il Lagorai è meraviglioso, devo assolutamente tornarci perché ne vale veramente la pena, consiglio davvero a tutti questa gara.” Gli fa eco Toldo: “Anche oggi è andata bene, temevo per le gambe perché stamattina appena sveglio le sentivo dure, poi nei primi strappetti sentivo che rispondevano bene, siamo partiti col nostro passo regolare, ci siamo alimentati molto bene e siamo arrivati fino all’arrivo. Percorso spettacolare, paesaggi davvero unici”.

I secondi, con la maglia blu di leader della gara per coppie miste, sono decisamente più tranquilli, visto che i trentini Agostini e Pasqualini, terzi, hanno un tempo di 12’49’26”, oltre mezz’ora di divario.
Quarti anche oggi i trentini Tonelli e Marchi (8h27’27”), quinti il bolzanino Tamanini e il padovano Brusarosco (8h44’46”).



Domani i 53 km dell’ultima tappa, nuovamente con partenza ed arrivo a Roncegno Terme, spazieranno nel Lagorai centro-meridionale ed in Valsugana.
L’organizzazione, applaudita da tutti i partecipanti, è sempre del GS Lagorai Bike di Telve Valsugana.

Info: www.dolomitilagoraichallengemtb.com

2001 visualizzazioni



Ultimi Aggiornamenti


Bertolini, weekend in Belgio

Il valtellinese Gioele Bertolini (Selle Italia-Guerciotti-Elite) si appresta a disputare due competizioni ciclocrossistiche in Belgio. Sabato 21 ottobre l’elite di Casa Guerciotti disputerà la prova di Telenet Superprestige a Boom.


Il Master Cross Selle SMP apre con la vittoria di Dorigoni e Lechner

Sole e temperature quasi estive per la prima tappa del Master Cross Selle SMP andato in scena in Val di Non, con l'organizzazione del Trentino Cross Giant SMP. Il 1 Trofeo Nuovi Investimenti, ha visto più di 450 atleti darsi battaglia su un percorso tecnico e ben disegnato dal c.o. con contropendenze, discese, sabbia, tratti da spingere e da guidare.


In fuga dal Vesuvio

Mancano pochi giorni all' evento sulla mobiltà sostenibile del progetto Vesuvian Bike Village che convolge i comuni di Ottaviano, Palma Campania, Poggiomarino, San Gennaro Vesuviano, San Giuseppe Vesuviano, Somma Vesuviana, Terzigno, Striano, che hanno sottoscritto nel 2014 il patto intercomunale per la mobiltà sostenibile ,che prevede un impegno delle amministrazioni a promuoverlo.


Oltre 7000 bikers in onore della Vergine del Carpinello protettrice dei ciclisti

Una testimonianza sportiva e di fede nel ricordo del compianto Padre Arturo D’Onofrio, il servo di Dio in pieno processo di beatificazione che, di fatto, incoronò la Vergine del Carpinello protettrice dei ciclisti.


Vittoria per Luigi Ferritto alla Marathon del Vulture

Chiusura di stagione, galà di premiazione del Trofeo dei Parchi Naturali, finalissima XLEGEND, ultima gara del brevetto “I Fiori” e gara di investitura dei Campioni Italiani Granfondo CSAIN: il 2017 si preannunciava già un anno molto ricco per la Marathon del Vulture MTB


Trofeo Ciclocross di Annabianca, ragguardevole partecipazione a Lecce

Sole e ciclocross: un connubio perfetto a Lecce per la seconda edizione del Trofeo Ciclocross di Annabianca che ha animato a suon di pedalate e di emozioni la vasta area verde circostante lo stadio Via del Mare grazie agli sforzi organizzativi della Kalos.


Archivio completo »