Primo sigillo di Alexey Medvedev all’Alta Valtellina Bike Marathon

La VII edizione della granfondo e marathon dell’Alta Valtellina è andata in archivio con oltre 1200 bikers al via e il russo in forza al team Polimedical che ha scritto per la prima volta il proprio nome nell’albo d’oro. E’ stata battaglia con il colombiano Arias Cuervo fin sull’ultimo GPM di San Colombano, terza salita del nuovo tracciato di 86km.
In campo femminile gara combattuta tra Valentina Frasisti e la romagnola Elena Gaddoni, con la biker lombarda che grazie ad un attacco a metà gara riesce a issarsi al comando e vincere questa importante prova del Marathon Tour. Sul percorso Classic un altro nome nuovo entra nell’albo d’oro: è quello del varesino Moreno Trabucchi che ha staccato nel finale il già 3 volte vincitore Enzo Gnani. Al femminile vince la lecchese Monica Maltese del team Triangolo Lariano.




La settima edizione della Alta Valtellina Bike Marathon è stata in verità una edizione “zero” con la nuova location di partenza ed arrivo situata a Valdidentro località “Rasin”.
Dopo l’anno sabbatico 2014 è tornata quindi più forte di prima la marathon valtellinese con un nuovissimo percorso con le tre salite principali di Passo Alpisella, Passo Trela e San Colombano ed un dislivello complessivo di oltre 3000metri.
Accanto al Marathon era possibile cimentarsi per i non Elite anche sul Classic di 52km e 1860m che evitava in pratica l’ultima salita di San Colombano.

Per la partenza da Valdidentro in una bella e calda giornata estiva, schierati ordinatamente in griglia gli oltre 1200 bikers provenienti da tutte le regioni d’Italia con numerose rappresentanze anche di affezionati bikers del centro e sud Italia. In aggiunta anche una nutrita rappresentanza straniera con colombiani, austriaci, russi, svizzeri e tedeschi.

La gara era valevole per il circuito Marathon Tour FCI, Coppa Lombardia Mtb, Alpine Pearls mountain bike Cup. In prova unica inoltre la granfondo Alta Valtellina ha assegnato le maglie dei campioni provinciali di Sondrio.
Pubblico folto lungo il percorso soprattutto in prossimità dello sconfinamento in zona lago di Livigno e anche nel parterre di partenza ed arrivo, location perfetta per ospitare una manifestazione sportiva.

Partenza puntuale alle ore 9.00 con tutti i top bikers dei più titolati team nazionali come SCOTT, Polimedical Reparto Corse, Reparto Sport LeeCougan, i.idro.drain Bianchi, Scapin Soudal, KTM Protek Torrevilla, Silmax X Bionic, GHOST Italia e team Cingolani, solo per citare i principali.
Grandi apprezzamenti ed elogi per il nuovo percorso Marathon di 86km (3090m di dislivello) e Classic di 52km (1860m di dislivello) disegnati all’interno del parco Nazionale dello Stelvio e che hanno fatto scoprire anche sentieri nuovi soprattutto nella parte finale del percorso Principale.
Panorami mozzafiato, single track spettacolari in quota, tratti di bike park, discese veloci e salite impegnative: questi gli ingredienti della gara dell’Alta Valtellina.

Imponente il dispiegamento di forze del C.O. Alta Valtellina Bike con una equipe di oltre 400 volontari. Ben 7 i ristori in corsa, ben equidistanziati e piazzati al km 12 Cancano, 24 Val Alpisella, 33 Pila, 42 alpe Trela, 55 Arnoga, 68 alpe Boron, 75 San Colombano ed inoltre l’ottavo fornitissimo all’arrivo.

LA GARA

Partenza puntuale alle ore 9.00 con Marathon e Classic partiti assieme.
Sulla prima salita verso Cancano subito selezione in testa con un gruppetto di fuggitivi che comprendeva tra gli altri Longo, Deho, Medvedev, Ronchi, Arias Cuervo, Mattia Longa, Botero, Mensi.
La svolta della corsa si è avuta sulla lunga ed impegnativa salita verso Passo Trela e Bocchetta Trela con il forcing di Arias Cuervo e Alexey Medvedev che passavano assieme in testa.
Alle loro spalle staccati di soli 59s un poker di atleti composto da Samuele Porro, Tony Longo, Johnathan Botero Villagas e Daniele Mensi.

Negli ultimi 25km sulla salita verso San Colombano battaglia in testa con l’attacco deciso in salita di Medvedev che ha colto di sorpresa Arias Cuervo.
Al GPM per il colombiano il ritardi era di oltre 2 minuti.
Sulla successiva lunga discesa che riportava gli atleti al forte di Oga Arias Cuervo sfoderava il suo attacco e recuperava parecchio terreno su Medvedev, ma gli arrivava a soli 27secondi.

Successo quindi per Alexey Medvedev che per il primo anno iscriveva il proprio nome nell’albo d’oro della gara valtellinese.
Secondo appunto Arias Cuervo e terzo un comunque soddisfatto Samuele Porro che approfittava anche della foratura nell’ultima parte di gara per Tony Longo. Quarto era il bresciano Mensi e quinto il livignasco Longa.

La gara femminile è stata altrettanto interessante e ricca di colpi di scena con una dura battaglia tra la lombarda Valentina Frasisti del team GHOST Italia e la romagnola Elena Gaddoni. Assieme gomito a gomito fin sulla salita verso Passo Trela, a pochi km dal GPM un attacco deciso della Frasisti le ha permesso di guadagnare sempre piu’ terreno involandosi verso la sua prima vittoria assoluta nel Marathon tour con il tempo di
4h54m40s, ovvero 3m19s prima della favorita Elena Gaddoni.
Al terzo posto staccata di 4m31s la russa Konvisarova del team Cingolani.

Sul percorso Classic di 52km due nomi nuovi da scrivere nell’albo d’oro. Si tratta di quelli di Moreno Trabucchi (VC San Martino) in campo maschile e della lecchese Monica Maltese (team Triangolo Lariano)

HANNO DETTO:
Alexey Medvedev, 1° classificato (Polimedical Reparto corse): “Ho fortemente cercato e voluto questa vittoria. Con Diego è stata davvero una dura battaglia su di un percorso a dir poco spettacolare, soprattutto nella parte finale. Complimenti agli organizzatori”
Valentina Frasisti, 1.a classificata (team GHOST Italia): “Oggi è filato tutto per il verso giusto. Sono partita controllando la Gaddoni e sulla salita dura verso Trela l’ho attaccata. Piano piano si è staccata e quindi ho continuato a guadagnare.E’ il mio sesto successo stagionale ma di gran lunga il più importante, trattandosi di una prova del Marathon Tour. Percorso fantastico, organizzazione top”

Classifica maschile percorso marathon 86 km
1. Alexey Medvedev (Polimedical Reparto corse) 3:56:41
2. Diego Arias Cuervo (Reparto Sport LeeCougan) +27s
3. Samuele Porro (Silmax X Bionic) +2m37s
4. Daniele Mensi (Scapin Soudal) +2m49s
5. Mattia Longa (Silmax X Bionic)+6m36s

Classifica femminile percorso marathon 86 km
1. Valentina Frasisti (GHOST ITALIA) 4:54:40
2. Elena Gaddoni (Scapin Soudal) +3:19
3. Kristina Konvisarova (Cingolani) +4:31s
4. Simona Bonomi (Isolmant) +30:55s
5. Sofia Pezzati (vc Tre Valli Biasca) +33:41s

Classifica maschile percorso granfondo 52 km
1 Trabucchi Moreno (San Martino) 02:32:17
2 Gnani Enzo Asd Gnani Bike Team +58s
3 Da Prada Stefano us Bormiese +02:50s

Classifica femminile percorso granfondo 52 km
1 Maltese Monica Triangolo Lariano 03:14:55s
2 Brazioli Paola PJ sport +06:38s
3 Sparber Karin MTB Lomazzo +23:30s


3223 visualizzazioni




Ultimi Aggiornamenti

La 3TBike è di Andrea Righettini
Domenica 14 luglio si è corsa a Telve Valsugana, la dodicesima edizione della 3TBike, quarta tappa del Circuito Trentino MTB. Percorso tutto nuovo che ha toccato tanti vecchi punti storici della gara. Salite non troppo lunghe, discese divertenti ma non impossibili. 36 km e 1400m di dislivello con scenari nuovi, discese meno tecniche ma sempre in single track divertenti, "flow" (scorrevoli) come direbbero i pro
Martin Stosek col botto alla Dolomiti Superbike. Mara Fumagalli riporta l'Italia in vetta dopo 11 anni
Il tempo stamattina non prometteva nulla di buono, poi sulla 25esima edizione della Südtirol Dolomiti Superbike a Villabassa, in Alto Adige, si è acceso un bel sole e i 4000 biker al via hanno tirato un sospiro di sollievo. Poi tutti a pedalare sui due tracciati, il percorso lungo di 113 km con 3.357 metri di dislivello e il medio di 60 km e 1.785 metri di dislivello, con gli scenari dolomitici da favola.
Tutto pronto a Telve per la dodicesima edizione della 3TBike
Telve, 12 luglio 2019. E' stato completato nella serata di ieri, il Ponte sul Torrente Maso. Il percorso risulta completo e definito, completamente testabile dai bikers e pronto alla gara di domenica.
La carica dei 4300 alla Dolomiti Superbike
Sono circa 4300 i bikers previsti alla partecipatissima 25.a Südtirol Dolomiti Superbike di Villabassa, suddivisa nei percorsi di 113 km (ore 7.30) e 60 km (ore 8.45), pronta ad emozionare nella giornata di sabato.
Bianchi conclude la propria presenza ufficiale nel mondo off-road racing
F.I.V. E. Bianchi spa rende nota la decisione di concludere la propria presenza ufficiale nel mondo off-road (MTB e Cross) racing, a seguito di una nuova direzione strategica che coinvolge il Reparto Corse Bianchi.


Archivio completo »