Gravel

La Ronda Fiandre Trevigiane a numeri limitati,oltre 800 iscritti, ma a divertimento super!

,
photo credits ©Alessandro Billiani


Nel cuore della Marca Trevigiana, nello scenario UNESCO delle Colline del Prosecco


Le limitazioni imposte dalla pandemia ci hanno permesso di accettare solo un ridotto numero di partecipanti. Siamo stati costretti, nostro malgrado, a rifiutare una gran quantità di richieste che ci avrebbe fatto toccare i 1.500 iscritti.

Peccato! Ma quello che più ha contato è stata la gran voglia di ripartire, di dare un segno di speranza e normalità, offrendo dopo svariati mesi il piacere di pedalare all'aria aperta su un percorso straordinario, faticoso, lungo, ma molto,
molto appagante per chi ama questo genere di manifestazioni.

La Ronda, svoltasi a Conegliano Domenica 23 Maggio, è stata una semplice pedalata ad andatura libera su un itinerario di 100 chilometri, con partenza libera “alla francese” e con la traccia GPS come unico strumento per
seguire il percorso.
Le operazioni di partenza di sono svolte regolarmente e con il massimo delle attenzioni imposte dal protocollo covid, evitando ogni forma di assembramento con misure ad-hoc volutamente sovradimensionate per garantire ai partecipanti di vivere la manifestazione con sicurezza e serenità.
La manifestazione, organizzata dall’associazione Velovenice con il supporto della Polisportiva Campolongo, ha tributato omaggio al Giro delle Fiandre e alle classiche ciclistiche del nord Europa attraverso una galvanizzante esperienza fatta di Leoni delle Fiandre, bandiere del Belgio e un percorso condito da strade bianche e gli immancabili “muri”.
Una rivisitazione in chiave fiamminga delle colline del Prosecco che ha consentito ai partecipanti di scoprire gli angoli più suggestivi di questa zona: da Susegana al castello di Conegliano, gli sterrati e le pendenze estreme si

sono susseguiti anche sulle alture del Collalto e di Refrontolo, lambendo Vittorio Veneto e Cappella Maggiore, arrampicandosi poi sulle arcigne erte di Colle Umberto e Castello Roganzuolo, per concludersi infine tra le distese vinicole di Ogliano e Manzana.
Diciotto sono stati i “muur” da scalare e venti i chilometri di strada bianca, per un’iniziativa unica nel suo genere: il format è infatti quello delle classiche cicloturistiche del nord Europa (partenza libera senza classifiche né agonismo, nessun blocco stradale e rispetto del codice della strada) con in più il coinvolgimento di target ciclistici diversi e un percorso da seguire con l’ausilio della tecnologia GPS.

Ne è uscita una manifestazione semplice e autentica, incentrata sul divertimento dei partecipanti e sull’adesione di una platea di ciclisti estremamente diversificata: al via si sono viste infatti bici di tutti i tipi, dalle specialissime da strada alle mountain bike, dalle e-bike alle più moderne “gravel”.
“Siamo soddisfatti di essere riusciti a organizzare la manifestazione in tempi di Covid - commenta a caldo Stefano De Marchi, organizzatore de La Ronda -. I partecipanti si sono dimostrati ligi al rispetto delle normative e del protocollo Covid, mentre il bel tempo e la temperatura ideale hanno contribuito a rendere questa giornata memorabile. Il percorso ha retto bene la pioggia di questi giorni anche se il fango non è mancato, ma le bici un po' sporche sono in piena sintonia con lo spirito de La Ronda. Non c'è stato inoltre alcun disagio per gli abitanti dei paesi attraversati dal percorso perché il particolare format non prevedeva blocchi stradali; anzi, gli abitanti delle zone attraversate si sono dimostrati incuriositi e partecipi, applaudendo e incitando i ciclisti in transito”.

La Ronda ha avuto il Patrocinio della Città di Conegliano che ringraziamo per l'ospitalità. Un ringraziamento va anche ai nostri partner che ci hanno dato fiducia confermandosi al nostro fianco come Assos, il brand svizzero di abbigliamento per il ciclismo, Crono Shoes, Selle SMP, Crazy Sport di Vittorio Veneto, Villa Giulia Wellness Experience di Jesolo, Ciclobottega Bike Shop di Resana, Nordcruz, Green Energy Luce e Gas e Polisportiva Campolongo.

Molti si chiederanno: “Come sarà la Ronda 2022”?
E noi rispondiamo: “La manifestazione piace sempre di più, il format funziona e i feedback sono estremamente positivi. Quindi… ci saranno delle novità molto importanti!”

Per informazioni: info@laronda.cc  - www.laronda.cc
Facebook: www.fb.com/fiandretrevigiane
La Ronda Fiandre Trevigiane a numeri limitati,oltre 800 iscritti, ma a divertimento super!
photo credits Alessandro Billiani
2594 visualizzazioni


Ultimi Aggiornamenti

Il fascino del Parco Nazionale del Pollino e’ di nuovo in scena il 17 luglio
Il Parco Nazionale del Pollino, con il suo fascino incontaminato ed il suo patrimonio naturalistico sterminato è la giusta location per la mountain bike e per tutti gli appassionati delle ruote grasse. Da tanta bellezza trae linfa vitale, per il ventunesimo anno , la Pollino Marathon , una manifestazione che, oltre che alle capacità organizzative del suo team, deve tutti questi anni di vita al proprio territorio.
Tricolori XCE a La Thuile: titoli a Tormena e Agostinacchio
Il programma di La Thuile MTB Race ha vissuto una conclusione all’insegna delle emozioni nella giornata di domenica 26 giugno, dedicata alle prove di Cross Country per le categorie Esordienti e Allievi, e ai Campionati Italiani di Cross Country Eliminator.
A Moschiano cresce l’attesa per il battesimo della nuova Moschiano Race Marathon
Nonostante qualche piccola difficoltà, procede a pieno ritmo l’allestimento e la preparazione della Moschiano Race Marathon che, per questa edizione, vedrà un imponente sforzo organizzativo da parte della Moschiano Mtb Adventure.
Italia sull’Olimpo, anzi, sull’Olympia. Marzio Deho campione del mondo assoluto. Andrea Righettini e Stefano Dal Grande vincitori della Dolomitica Marathon
ulla linea di partenza della Pineta, nella mattinata di oggi, sabato 25 giugno, c’era il mondo. Trenta nazioni rappresentate, 800 i partenti.In palio c’era la maglia iridata per la categorie master mtb, quella maglia dal fascino irresistibile: indossarla è un sogno, viverla, un’avventura unica. Per tutti e per tutto il mondo.
La Thuile esalta Luca Braidot e Martina Berta Il friulano e Giada Specia nuovi campioni di IIS
Con il gran finale di La Thuile, sabato 25 giugno si è conclusa la stagione 2022 di Internazionali d’Italia Series, il più importante circuito italiano di Cross Country MTB, che anche quest’anno ha offerto gare e protagonisti ai massimi livelli della disciplina a livello mondiale negli appuntamenti di San Zeno di Montagna, Nalles e Capoliveri, fino alla conclusione in Valle d’Aosta.
Il 23 ottobre preparatevi per entrare nella Leggenda.
Da oggi sono ufficialmente aperte le iscrizioni per la quinta edizione della Castro Legend Cup, da quest’anno finalissima tra i Trofei d’Italia: X-Legend.


Altre Notizie »