Giro d'Italia Ciclocross

Giro d’Italia Ciclocross a Ladispoli, maglia rosa del rispetto: la festa nel segno della prevenzione

,


Gare open a Francesca Baroni e Jackob Dorigoni, grande soddisfazione in casa ASD Romano Scotti e Team Bike Terenzi per la perfetta organizzazione e la maglia rosa del portacolori Vittorio Carrer


Nonostante tutto, nonostante la grande pressione e il carico di responsabilità. La festa è riuscita, il Giro d'Italia Ciclocross ha affrontato l'appuntamento di Ladispoli senza lasciare nulla al caso, sia sotto l'aspetto sportivo, come di consueto, ma anche e soprattutto sotto quello della gestione del complesso protocollo anti contagio (autocertificazioni, controllo temperatura, ingresso consentito solo attraverso varchi per gli accreditati).

I tempi, si sa, sono quelli che corrono, e le priorità adesso sono focalizzate sul controllo e sulla prevenzione. Una bella sfida per il Team Bike Terenzi e l'Asd Romano Scotti, che può dirsi riuscita grazie alle forze e all'organizzazione messa in campo e alla grande collaborazione di tutti i presenti, il vero valore aggiunto che merita una maglia rosa ad honorem. La gara era valida anche come tappa del Lazio Cross, Trofeo Romano Scotti Gruppo Forte.

Dal punto di vista agonistico tanti i valori tecnici emersi dal percorso ricavato nel Bosco Quarto di Palo, reso impegnativo e col fondo viscido dopo le abbondanti piogge delle scorse notti. Se ne è reso conto anche il presidente della Federazione Ciclistica Italiana, Renato Di Rocco, che ha onorato il Giro d'Italia Ciclocross della sua presenza: Una gara con così tante partenze e tanto entusiasmo crea un trasporto emotivo per questi grandi eventi – ha dichiarato mentre le gare erano in corso - Grazie al team della famiglia Scotti abbiamo una solida organizzazione che spinge sempre più in alto il ciclocross italiano. Noi tutti dal canto nostro, cerchiamo di restare in sicurezza e con la massima attenzione al protocollo sanitario.

Siamo riusciti in una grande impresa – si lascia andare Claudio Terenzi a fine giornata, quando il sole del tramonto lambisce quel che resta del percorso già quasi del tutto smantellato,  – non solo sportiva, per un’organizzazione messa in piedi in meno di un mese, ma anche e soprattutto sotto il profilo del rispetto assoluto del protocollo anti-contagio, a quale tutti i presenti si sono attenuti rigidamente, senza necessità di elevare sanzioni. È questo, a caldo, il più grande successo che sento di dover celebrare: la famiglia del Giro d’Italia Ciclocross si è dimostrata matura per affrontare anche le situazioni più difficili. Grazie amici della Romano Scotti per la grande manforte, siete speciali, così come lo sono tutti i miei associati e i tanti volontari che hanno offerto la loro opera in questi giorni. E all’amministrazione comunale un granissimo GRAZIE per la fiducia e l’impegno.

Visibilmente soddisfatto Sergio Scotti, vicepresidente dell’ASD Romano Scotti: È sempre una grandissima emozione riportare il Giro d’Italia Ciclocross a due passi da casa, in questi giorni siamo stati tra amici e ogni fatica non è pesata pur di vedere il sorriso negli occhi di tutti, visto che le labbra sono coperte dalle mascherine. È fondamentale avere al fianco una società come il Team Bike Terenzi, propositiva e attiva, ma anche un’amministrazione comunale particolarmente attenta come quella di Ladispoli. E un grandissimo grazie a chi ci ha permesso di vivere questo evento in tranquillità, ovvero tutti gli sportivi che hanno seguito alla lettera le norme anti Covid.

NUOVI STRUMENTI PER IL GIC – Nel segno dell’innovazione – non a caso la lungimiranza è di casa al GIC – alcuni strumenti introdotti a partite dalla terza tappa. Su tutti il contagiri elettronico a led, che facilita le operazioni gestionali ed è stato apprezzato per la visibilità chiara a notevole distanza. E poi lo start con due semafori al posto del consueto fischio, una novità che, sviluppatasi a partire dall’idea dell’ASD Romano Scotti di soddisfare le legittime esigenze di un particolare atleta, è stata sviluppata in favore di tutto il gruppo. Testata con successo a Corridonia, il via con i semafori è stato perfezionato e riproposto a Ladispoli. Il tutto grazie all’ingegno creativo di Pasquale Abbattista, che ha progettato e realizzato ogni componente dei pezzi (dall’elettronica alla stampa 3d). Pasquale, Tutto il Giro d’Italia Ciclocross ti è riconoscente.

ATTENTI A QUEI DUE (Donne Open e Uomini Open) – Il diesel e la benzina (sul fuoco). Cominelli e Dorigoni, fianco a fianco, non possono che regalare scintille e spettacolo, specialmente se uno fa della rincorsa il suo liet motiv e l'altro ha il piglio dell'attaccante nato. Particolarmente mossa la gara degli uomini Open, nove giri caratterizzati da lunghi tratti in gruppetto, decisamente rischioso per un percorso con strettoie e insidie e tantissimi tentativi di attacco. Alla fine hanno preso il largo (di misura) i due citati poc'anzi, ma anche Antonio Folcarelli ha dimostrato di reggere la pressione della gara di casa e ha messo in saccoccia un podio meritatissimo. I due, intanto, se la sono giocata in volata, con il portacolori della Guerciotti che ha avuto la meglio, di misura, sul Bresciano.
Era un percorso molto divertente ma da correre in 8 davanti era da stare molto attenti, concentrati a non commettere errori. Era molto stressante – confida Dorigoni - Nell’ultimo giro c’era da cogliere l’attimo giusto, per fortuna sono stato bravo, riuscendo a gestirmi bene ed evitare errori grossolani.

Tra le donne open sono invece sempre loro tre, più due. Francesca Baroni, Sara Casasola e Gaia Regalino (oggi meno brillante del solito, ma pur sempre grintosa e all'inseguimento - sarà forse per il carico di responsabilità della maglia rosa che indossava) a cui aggiungere Alessia Bulleri e Carlotta Borello. Autrici di una gara ad altissima intensità, col trio Casasola-Baroni-Bulleri che è scappato via sin da subito e le altre due ad inseguire. Sono state però necessarie le ultimissime battute di corsa per decidere allo sprint la terza tappa, volata che alla veloce Baroni vale il ritorno in rosa dopo il successo finale della scorsa edizione. Sara Cassola è seconda, Bulleri terza. Migliore delle giovani è Alice Papo, nuova maglia bianca.
«Prima sulle spalle di Sara, poi su quelle di Gaia e ora sulle mie. É un’emozione grandissima tornare in rosa, bisogna cecare di portarla fino all’ultima tappa; io cercherò di onorarla al meglio – assicura la neo rosa Francesca Baroni - La gara di oggi è stata nervosa e dura, cercavo di recuperare, sprecare meno energie possibili e giocarmi tutto in volata. Il via con semaforo è uno spettacolo fantastico, per me, e spero anche per le altre, almeno così non devo chiedere ai giudici di darmi un segnale visivo per lo start in sostituzione del fischio che non posso sentire. In questo modo partiamo tutti nelle stesse condizioni. Vi ringrazio veramente tanto, avete avuto una bellissima idea. E poi in Coppa del Mondo funziona così».

LA MAGLIA ROSA TORNA IN PUGLIA (Juniores) – Continua sulla scia dello spettacolo puro la gara dedicata ai nati negli anni 2003 e 2004, ovvero gli Juniores. Ricca di colpi di scena e di diverse chiavi di lettura, ha visto un lungo forcing a cinque (Olivo, Solenne, Carrer, Cancedda e Barazzuol, più Loconsolo nella prima fase) che prima è riuscito a mettere in difficoltà la maglia rosa e poi ha portato il terzetto a giocarsi il tutto per tutto allo sprint. Ha vinto Bryan Olivo, portacolori della DP 66 su Eros Cancedda, ma è il terzo posto di Vittorio Carrer (Team Bike Terenzi) a segnare il cambio di titolare di maglia: il pugliese, al terzo bronzo di fila su tre percorsi diversissimi, veste il simbolo del primato e lo riporta nella regione a due anni di distanza dall’ultimo successo del conterraneo Loconsolo. «Inseguita a lungo, tre podi, tre terzi posti. Ora vestire la maglia rosa è un’emozione unica, è la prima volta che la indosso ed è sempre bello mostrare qualcosa in più quando si gioca “in casa” – spiega il pugliese di Corato Vittorio Carrer, tesserato proprio per il Team Bike Terenzi - Io puntavo alla vittoria, ma per un problema tecnico ho perso quei cinque secondi che mi hanno compromesso il successo di tappa. Nel tratto di bosco bisognava stare attenti perché un minimo errore poteva essere fatale, io preferivo tenere la ruota per stare più tranquillo. Me la cavo un po’ s tutti i percorsi, anche se prediligo la corsa a piedi. Questa prima maglia rosa va a mio nonno Vittorio, a mio padre e tutti quelli che mi hanno sostenuto fino ad adesso».

LE GARE DELLA MATTINA – categorie nazionali. Tra le esordienti donne vince Elisa Ferri (Olimpia Valdarnese), che conferma la maglia rosa su Ilaria Tambosco (Jam's Bike Team Buja) e Camilla Bezzone (Cicli Fiorin), mentre i colleghi di sesso maschile registrano la vittoria di Riccardo Da Rios (Sanfiorese e ancora maglia rosa) – su Luca Vaccher (GS Mosole) e Ettore Fabbro (Jam's Bike Team Buja).
Copione identico alle tappe precedenti anche per la gara riservata alle categorie allievi, la più numerosa di giornata con ben 100 atleti ai nastri di partenza e anche la più incerta e ricca di spunti tecnici. Il tricolore e maglia rosa Ettore Prà (Hellas Monteforte) conferma il suo straordinario tato di forma anche davanti a un arrembante e sempre più performante Alessandro Mario Dante (Team Bramati), che si è arreso solo nel breve ma intenso sprint. Sul terzo gradino del podio sale il laziale Simone Vari (Race Mountain Folcarelli), a brevissima distanza dalle posizioni di testa.
Tre gare e tre vincitrici diverse per le allieve, ma sempre un’unica leader. Federica Venturelli (Cicli Fiorin) ha ceduto il passo a una imperiosa Arianna Bianchi (Team Piton), che nell’ultimo giro ha rotto prepotentemente gli indugi e ha conquistato la vittoria di tappa. Danni contenutissimi per la Venturelli, che è sempre più in rosa, mentre sul terzo gradino del podio è salita Beatrice Temperoni (L’Equilibrio).
Tra i master di prima fascia: 1° Fabrizio Trovarelli (Bike Lab) è sempre più in rosa, vincendo su Alessandro Sereni (Cicli Taddei); 3° Leonardo Caracciolo (Triono Racing). Ancora il classicissimo dei podi tra i master di seconda fascia: 1° e maglia rosa Massimo Folcarelli (Race Mountain Folcarelli), 2° Luigi Carrer (Team Eurobike); 3° Gianni Panzarini (Race Mountain Folcarelli). Mentre, tra le donne master, 1^ Ania Bocchini (Team Cingolani), 2^ Sabrina Di Lorenzo (Pro Bike, maglia rosa); 3^ Beatrice Mistretta (New Bike 2008).

Le classifiche complete delle gare di giornata
GARE DELLA MATTINA
Master Fascia 1 | Maglia Rosa-gialla: Fabrizio Trovarelli
Master Fascia 2 | Maglia Rosa-gialla: Massimo Folcarelli
Master Donne | Maglia Rosa-gialla: Sabrina Di Lorenzo
Promozionale G6 Maschile 
Promozionale G6 Femminile 
Esordienti Uomini  | Maglia Rosa-gialla: Riccardo Da Rios
Esordienti Donne  | Maglia Rosa-gialla: Elisa Ferri
Allievi Uomini  | Maglia Rosa-gialla: Ettore Prà
Allieve Donne  | Maglia Rosa-gialla: Federica Venturelli

GARE DEL POMERIGGIO
Juniores Uomini  | Maglia Rosa: Vittorio Carrer (NEW)
Donne Open  | Maglia Rosa: Francesca Baroni (NEW– Maglia Bianca: Alice Papo (NEW
Uomini Open  | Maglia Rosa: Jackob Dorigoni – Maglia Bianca: Marco Pavan

Coloro che non riuscissero a visualizzare le classifiche o qualsiasi altro documento da dispositivo mobile possono consultare il link esterno: CLASSIFICHE DI GARA (Ladispoli)
SONO ANCHE DISPONIBILI GLI ARRIVI DELLA PROMOZIONALE SHORT TRACK.

I podi di giornata (quadro sinottico)
 
  • MASTER F1
1° Fabrizio Trovarelli (Bike Lab) - MAGLIA ROSA
2° Alessandro Sreni (Cicli Taddei)
3° Leonardo Caracciolo (Triono Racing)
 
  • MASTER F2
1° Massimo Folcarelli (Race Mountain Folcarelli) - MAGLIA ROSA
2° Luigi Carrer (Team Eurobike)
3° Gianni Panzarini (Race Mountain Folcarelli)
 
  • MASTER DONNE
1^ Ania Bocchini (Team Cingolani)
2^ Sabrina Di Lorenzo (Pro Bike) - MAGLIA ROSA
3^ Beatrice Mistretta (New Bike 2008)
 
  • ESORDIENTI UOMINI
1° Riccardo Da Rios (Sanfiorese) - MAGLIA ROSA
2° Luca Vaccher (GS Mosole)
3° Ettore Fabbro (Jam's Bike Team Buja)
 
  • DONNE ESORDIENTI
1^ Elisa Ferri (Olimpia Valdarnese) - MAGLIA ROSA
2^ Ilaria Tambosco (Jam's Bike Team Buja)
3^ Camilla Bezzone (Cicli Fiorin)
 
  • ALLIEVI UOMINI
1° Ettore Prà (Hellas Monteforte) - MAGLIA ROSA
2° Alessandro Mario Dante (Team Bramati)
3° Simone Vari (Race Mountain Folcarelli)
 
  • DONNE ALLIEVE
1^ Arianna Bianchi (Team Piton)
2^ Federica Venturelli (Cicli Fiorin) - MAGLIA ROSA
3^ Beatrice Temperoni (L'equilibrio - Cycling School)
 
  • JUNIORES UOMINI
1° Bryan Olivo (DP 66)
2° Eros Cancedda (Sorgente Pradipozzo)
3° Vittorio Carrer (Team Bike Terenzi) - MAGLIA ROSA
 
  • DONNE OPEN
1^ Francesca Baroni (Selle Italia Guerciotti Elite) - MAGLIA ROSA
2^ Sara Casasola (DP 66)
3^ Alessia Bulleri (Cycling Cafè)
MAGLIA BIANCA: Alice Papo (DP 66)
 
  • UOMINI OPEN
1° Jackob Dorigoni (Selle Italia Guerciotti Elite) - MAGLIA ROSA
2° Cristian Cominelli (Scott)
3° Antonio Folcarelli (Race Mountain Folcarelli)
MAGLIA BIANCA: Marco Pavan (D'Amico UM Tools)
 
Giro d’Italia Ciclocross a Ladispoli, maglia rosa del rispetto: la festa nel segno della prevenzione
502 visualizzazioni


Ultimi Aggiornamenti

Mediterraneo Cross riparte da Bisceglie col Trofeo Peppino Preziosa
La ripartenza è affidata alla Polisportiva G. Cavallaro i cui capisaldi sono: Impegno, passione e sacrificio che mette nel rinnova martedì 8 dicembre l’appuntamento con la “Coppa Città di Bisceglie” giunta alla 23^ edizione. Intitolata per il decimo anno alla memoria di Peppino Preziosa (generoso collaboratore scomparso prematuramente nel 2009) e valevole quale seconda prova del “Trofeo Mediterraneo Cross”, la competizione sarà ospitata nel suggestivo uliveto dell’Azienda Agricola Cassanelli, non distante dalla Grotte di Santa Croce, celebre cavità di origine carsica di interesse archeologico, speleologico e turistico a ridosso della S.P. 85 Bisceglie – Corato.
Nuova linfa per il Torpado Sudtirol Jakob Dorigoni si veste di blu arancio
Il team Torpado Sudtirol è felice di annunciare l’ingaggio di Jakob Dorigoni per la stagione 2021, una pedina importante che andrà ad arricchire la rosa di atleti già confermati per il prossimo anno.
Il Ciclocross all’ombra del Vesuvio!
[Fare clic e trascinare per spostare] Dopo varie peripezie a causa del periodo Covid che rende sempre più difficile organizzare le gare, il settore Fuoristrada Campania, grazie alla collaborazione con la ASD Vesuvio Mountainbike, è riuscita a trovare la giusta sinergia per organizzare la prova unica del Campionato Regionale di Ciclocross il 20 dicembre
Mediterraneo Cross: a Dicembre riparte l’avventura
Dopo la sospensione del trofeo a novembre, voluto dagli organizzatori causa l’aumento dei contagi nelle regioni interessate all’organizzazione delle tappe, adesso se pur con cautela, si guarda con ottimismo al futuro del Mediterraneo Cross.
Il 3 ottobre 2021 sarà Capoliveri Legend Cup World Edition
Alla dodicesima Capoliveri Legend Cup si respirerà un’aria speciale. La prestigiosa gara elbana si correrà domenica 3 ottobre, il giorno seguente all’UCI MTB Marathon World Championships che porterà a Capoliveri tutti i migliori specialisti mondiali del settore marathon e molti del Cross Country.
Riunione pre calendario 2021 MTB in Campania
Lunedì sera, su zoom, si è svolto un incontro programmato per pianificare la stagione di MTB per le specialità Cross-Country, Gran Fondo e Marathon. Il periodo non è dei più facili e lo sappiamo bene, ma con grande ottimismo gli organizzatori campani vogliono lanciare un messaggio di speranza. Sopratutto vogliono fissare un orizzonte temporale per consentire, se pur con gli attuali limiti, agli appassionati di ruotegrasse di iniziare a programmare la stagione 2021.


Altre Notizie »