Libri

Mountain bike in Cilento

,
photo credits ©Antonello Naddeo


Si chiama “Mountain bike in Cilento” ed è un libro da leggere tutto d’un fiato per scoprire i 52 itinerari più suggestivi e divertenti - in bike - del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni.
Un progetto firmato dai salernitani Antonello Naddeo e Caterina La Bella, edito dalla casa editrice Versante Sud.


Un libro che “racconta” il territorio e che attraversa montagne, borghi antichi, boschi, spiagge, vette silenziose, campagne e paesi “fantasma”, una guida completa per organizzare la vacanza in sella alla MTB in provincia di Salerno. Antonello Naddeo, negli anni, ha caparbiamente contribuito ad accrescere un’“identità outdoor” al Cilento.

Lui, che cilentano lo è di adozione, ha sempre creduto  che questo territorio a sud di Salerno potesse diventare la “casa ideale degli sportivi”.
Un luogo dove immergersi su sentieri spesso deserti, con dislivelli che non hanno nulla da invidiare alle montagne più “celebri”, con quel valore aggiunto della costa – la più incontaminata d’Italia - che si unisce alle vette in un unico, straordinario paesaggio.
Molti, quando anni fa parlavo di escursioni in bike nel Cilento, mi prendevano per matto – racconta Antonello, fotografo e biker – è impossibile richiamare qui gli appassionati – mi ripetevano – è un territorio troppo selvaggio, distante dalle grandi città. Io invece ho sempre creduto nelle mille potenzialità di questi posti straordinari, incontaminati e insieme ad amici che hanno il merito di custodire questi luoghi meravigliosi ho iniziato a mappare i percorsi, con mia moglie, la giornalista Caterina La Bella, li abbiamo catalogati e resi fruibili, ed oggi il movimento è davvero realtà. Ogni anno vedo crescere in questi territori la vocazione outdoor e vi assicuro che non c’è nulla che mi rende più orgoglioso e fiero. Posso dire di aver contribuito, nel mio piccolo, a creare un movimento di appassionati”.

Al Cilento mancava un prodotto che mettesse in rete la sentieristica dedicata alle mtb. La guida invece propone 52 percorsi, con tanto di mappa gps, riferimenti ai luoghi e alle bellezze paesaggistiche e culturali locali.

Il libro è una vera e propria guida al Cilento non solo ai percorsi mountain bike.
Perché è inserita la storia dei luoghi, le foto di ciascun angolo di territorio, riferimenti ai prodotti tipici e all’enogastronomia.
MTB nel Cilento
Copertina del libro MTB nel Cilento - edito dalla casa editrice Versante Sud

E’, insomma, una guida a tutto tondo che fa conoscere il Cilento - anche attraverso uno straordinario servizio fotografico -  e consente di far conoscere la bellezza dei luoghi.
Perché il Cilento ha tutto per essere meta turistica d’elezione – ribadisce Antonello Naddeo - il mare più pulito, le coste più selvagge, le montagne più alte della Campania, borghi caratteristici, prodotti tipici di eccellenza. Insomma, le premesse ci sono tutte e la mtb può essere un traino ulteriore per questo territorio. Adesso lavoriamo alla creazione di pacchetti turistici integrati fornendo la nostra collaborazione a tour operator internazionali specializzati, sempre più interessati al territorio. Ciò significa che stiamo andando nella giusta direzione. Serve sempre maggiore promozione, servono servizi a supporto dei ciclisti, strutture ricettive che siano capaci di accogliere questi flussi di turisti in biker. E’ un progetto ambizioso, è vero, ma il Cilento ha tutte le capacità per diventare il “paradiso” dei ciclisti.
 
Antonello Naddeo  - naddeo.antonio@yahoo.it
MTB nel Cilento
MTB nel Cilento
MTB nel Cilento
MTB nel Cilento
MTB nel Cilento
MTB nel Cilento
MTB nel Cilento
MTB nel Cilento
Mountain bike in Cilento
photo credits Antonello Naddeo
2962 visualizzazioni


Ultimi Aggiornamenti

L' 8 Novembre il Trofeo Cyclocross della Serra Salentina
Anteprima della seconda tappa del Trofeo Mediterraneo Cross
Francesca Baroni è sempre maglia rosa
Domenica scorsa la prova del Giro d’Italia di ciclocross si è svolta a Osoppo, in Friuli Venezia Giulia. Tutto ok per le ragazze del team Selle Italia – Guerciotti – Elite, dominatrici della corsa open: prima Francesca Baroni, seconda Gaia Realini.
Viggiano apre il sipario sul Mediterraneo Cross
Domenica 25 ottobre è andato in scena il “Trofeo Ciclocross Città di Viggiano”, prova d’apertura del Mediterraneo Cross gara Top Class e prova unica del Campionato Regionale Ciclocross Basilicata. Ottima la partecipazione, con oltre 150 specialisti del prato che si sono sfidati a colpi di pedale sul tracciato approntato nei terreni adiacenti l’Hotel Kiris.
Mandi Osoppo: in Friuli la festa rosa premia l’audacia e la prudenza (contro il Covid)
Un caloroso abbraccio da Osoppo, Friuli, con quello che è il tradizionale saluto di queste terre, più che un ciao una vera e propria benedizione rivolta all’interlocutore, una raccomandazione all’Altissimo. E una benedizione lo è stata per davvero la quarta tappa del Giro d’Italia Ciclocross disputata quest’oggi presso il Parco del Rivellino sotto l’egida della Federazione Ciclistica Italiana e l’organizzazione della Jam’s Bike Team Buja con la collaborazione dell’ASD Romano Scotti.
Giro Cross: Dorigoni e Baroni in Rosa
Domenica scorsa il team Selle Italia – Guerciotti – Elite del direttore sportivo Vito Di Tano ha partecipato alla terza prova del Giro d’Italia di ciclocross; si è svolta a Ladispoli, in Lazio. La squadra del presidente Paolo Guerciotti ha vinto la gara open maschile grazie al Campione d’Italia Jakob Dorigoni e quella femminile con Francesca Baroni. Dorigoni è maglia rosa con tre successi su altrettante prove disputate.
5° XC Grotta del Rosario
Domenica 18 Ottobre è andata in scena nello splendido scenario della Valle del Sele la vera mountain bike: un cross country veloce, tecnico, adrenalinico e tanto, tanto, bagnato. D'altronde chiunque faccia un salto nel piccolo paese a sud della provincia di Salerno non può esimersi da una rigenerante infangata. Figuriamoci se è un amante delle ruote tassellate


Altre Notizie »