Gravel

Tour delle Marche, seconda e terza tappa

,



Un preziosissimo contributo: appunti di viaggio di Ato Fedon, in giro per le Marche.
Seconda tappa, Sant’ Angelo in Vado-Matelica. - 132 Km, 2200 dislivello

Piove forte, come da previsione.
Non e’ il massimo per un ciclista, pero’ prepariamo le ns. Bike Gravel ed usciamo.
Nelle prime due ore pedaliamo con vento, pioggia e freddo, ma accompagnati dal delizioso profumo delle ginestre che lungamente costggiano la ns. strada in salita.
Raggiungiamo due valichi, ognuno ad una altitudine di circa 700 m/slm.
Freddo in discesa.
Alla base dell’ ultima discesa, un paese con centro storico bello ed addobbato con finiture fiorate sulla piccola piazza.
Il paese e’ Apecchio.

Riprendiamo la ns. pedalata sempre sotto una pioggia fredda e battente.
Verso mezzogiorno Giorgio mi dice:
“Anche se non sarebbe una specialita’ del posto, qui fanno un ottima carbonara!”
Ed e’ vero!

Il tempo migliora e ci avviciniamo alla fine della ns. tappa di Matelica.
Giorgio e’ in forma: pedala bene e con velocita’. Io tento di stargli “in ruota”, sfruttando la sua aerodinamicita’. Non sempre ci riesco e il mio Kapitano a volte mi scappa (per la verita’ molto spesso!).
Mi ritrovo solo.
In lontananza vedo un ciclista che sembra arrancare.
Il solito sciocco istinto agonista: “Lo vado a prendere e lo supero!”
Lo affianco, saluto e lo supero.
Vedo le sue enormi cosce da ciclista.
Mi vergogno averlo superato.
Ci conosciamo e Samuele Scottini, quello che ho stupidamente superato, e’ un campione di gare di Gran fondo!
Che figura meschina ho fatto!
Inoltre e’ un ragazzo meraviglioso che si ferma a bere un caffe’ con noi a Matelica!
Tappa finita.

Terza tappa. Matelica-Amandola. 133 Km, 2300 dislivello

La pioggia ci accompagna sempre.
Si parte pedalando in discesa ed e’ bellissimo. Visitiamo dei paesi antichi fortemente danneggiati dal terremoto e ricostruiti con perizia certosina.
Pedaliamo bene.
Superati i 50 Km Giorgio mi dice:
“Dai, arriviamo ai 70 Km e ci fermiamo per pranzo”.
“Pronto”, gli rispondo!
Mi metto in ruota e non mollo.
Strada in continua salita, ma di pochi gradi.
Il mio Kapitano mi fa da gregario e mi tira per 20 Km come una locomotiva.
A volte sono tentato di mollare, ma non lo faccio, finche’ raggiungiamo il posto prefissato.
Ottima pasta all’ arrabbiata.
Si riparte verso il Lago di Fiastra.
Il tempo peggiora. Siamo soli, ma accompagnati da tuoni, lampi e pioggia battente.
Salite impegnative con ripide discese e, nel sali-scendi, raggiungiamo il Lago.
Il tempo dietro di noi continua a peggiorare ed ho la brillante idea di proporre a Giorgio la strada alternativa per raggiungere Amandola.
Scelta azzeccata pienamente.
Ci ritroviamo ad affrontare 15 Km di salita all’ 8%. Oltre 1000 m dislivello!
Dura!
Molto dura raggiungere la vetta a 1500 m di altitudine.
E con bike di almeno 25 Kg.
Pero’ anche in questa occasione io e Giorgio ci siamo sganassati dalle risate!
Discesa di 16 Km con curve paraboliche dove io ed il Kapitano abbiamo pilotato le ns. bike con divertente perizia.
Raggiungiamo Amandola stanchini.
La ns. terza tappa doveva essere di recupero, ma cosi’ non e’ stato.
In 3 gg. superiamo i 400 Km con oltre 7000 m dislivello.
Ed io che pensavo il giro della Marche fosse una bella passeggiata!

A volte penso di essere sulle mie Dolomiti!
Giorgio Ferretti e Ato Fedon
 
Tour delle Marche, seconda e terza tappa
2466 visualizzazioni


Ultimi Aggiornamenti

Mediterraneo Cross: a Dicembre riparte l’avventura
Dopo la sospensione del trofeo a novembre, voluto dagli organizzatori causa l’aumento dei contagi nelle regioni interessate all’organizzazione delle tappe, adesso se pur con cautela, si guarda con ottimismo al futuro del Mediterraneo Cross.
Rinviata ad altra data la prima edizione del Trofeo Ciclocross Re Manfredi a Palazzo San Gervasio
Alla luce degli ultimi avvenimenti legati alla recrudescenza dei contagi, non potendo prevedere a breve termine il miglioramento della situazione sanitaria e aspettando la scadenza del 3 dicembre del Dpcm che vede la Basilicata in zona arancione, la Lucania Bike ha rinviato a data da destinarsi lo svolgimento della prima edizione del Trofeo Ciclocross Re Manfredi
Il 3 ottobre 2021 sarà Capoliveri Legend Cup World Edition
Alla dodicesima Capoliveri Legend Cup si respirerà un’aria speciale. La prestigiosa gara elbana si correrà domenica 3 ottobre, il giorno seguente all’UCI MTB Marathon World Championships che porterà a Capoliveri tutti i migliori specialisti mondiali del settore marathon e molti del Cross Country.
Riunione pre calendario 2021 MTB in Campania
Lunedì sera, su zoom, si è svolto un incontro programmato per pianificare la stagione di MTB per le specialità Cross-Country, Gran Fondo e Marathon. Il periodo non è dei più facili e lo sappiamo bene, ma con grande ottimismo gli organizzatori campani vogliono lanciare un messaggio di speranza. Sopratutto vogliono fissare un orizzonte temporale per consentire, se pur con gli attuali limiti, agli appassionati di ruotegrasse di iniziare a programmare la stagione 2021.
Il TPN incrocia le dita, e riparte!
Torniamo subito con una novità, un secondo appuntamento nella Puglia centrale che mancava ormai da un po': la Marathon Bosco Pianelle (Martina Franca). Per il resto, invece, abbiamo ritenuto opportuno lasciare in calendario le gare previste per il 2020 che abbiamo dovuto lasciare in stand-by
22 Novembre, il GP Guerciotti non si corre. Cercheremo di organizzarlo nel gennaio 2021
Nella stagione ciclocrossistica invernale 2020-21 il Gran Premio Mamma e Papà Guerciotti è nel calendario gare dell’Unione Ciclistica Internazionale in data 22 novembre. L’egida organizzativa della classica è a cura della Selle Italia-Guerciotti – Elite. “Il 22 novembre – dichiara Alessandro Guerciotti, team manager della società organizzatrice – il cross all’Idroscalo di Milano non si svolgerà.


Altre Notizie »