MASTER CROSS SMP

Master Cross SMP: Dorigoni su Bertolini e Fontana nel fango e nella pioggia di Brugherio

,
photo credits ©Alessandro Billiani


L’Increa Stadium diventa arena di leoni nel fango, pioggia tutta la giornata, percorso applaudito da tutti per la sua tecnicità e bellezza. Tra le donne vince Casasola su Gariboldi e Baroni. Gli juniores premiano Bryan Olivo e Nicole Pesse. Più di 700 atleti al via, il cross è più vivo che mai.


Una giornata da vero Nord con percorso tecnico, applaudito da tutti gli atleti in gara e dal pubblico presente, pioggia costante e tanto fango.
Una giornata dove le capacità di guida si sono unite alla forza, alla grinta e alla determinazione di ciascun crossista, chi per le posizioni sul podio, chi semplicemente per dire “io c’ero”. E’ stata questa la terza tappa del Master Cross Selle SMP, ospitata all’Increa Stadium di Brugherio da Lega Ciclistica Brugherio 2 con la collaborazione di MTB Increa e Sorgente Pradipozzo. E ad un passo da Milano si sono svolte gare di altissima qualità, tutte combattute dall’inizio alla fine. La copertura in diretta web nella mattinata e le due gare clou su Rai Sport hanno dato la possibilità a tutti gli appassionati e non solo di scoprire questa disciplina da vicino.


LE GARE NAZIONALI
Nelle categorie amatoriali che hanno corso in gara unica ha vinto l’assoluta Massimo Folcarelli (Race Mountain Folcarelli) vincitore anche della Fascia 2 su Ivan Testa e Graziano Bonalda. Nella Fascia 1 Samuel Mazzucchelli (Cycling Team Vergiate) vince su Alessandro Sereni e Marco Del Missier che si sono giocati allo sprint il resto del podio. In Fascia 3 è sempre più leader Gianfranco Mariuzzo (MTB Santa Marinella) su Sante Schiro e Mauro Locatelli. Tra le donne master che in questa tappa hanno avuto una buona affluenza, vince la leader della generale Ilenia Lazzaro (UC 2000) su Lara Torresani e Sabrina Di Lorenzo.
La gara esordienti ha visto un testa a testa tra Christian Fantini (Merida Italia Team) e Nicholas Travella. Alla fine ha vinto Fantini con Tommaso Bosio in terza posizione. Gara entusiasmante anche tra le donne esordienti dove si ribalta completamente la situazione all’ultimo giro : a vincere è la friulana Bianca Perusin (DP66) su Anita Baima e Arianna Bianchi.
Gli allievi, visto l’alto numero alla partenza, sono stati sdoppiati in 2 gare, una corsa la mattina e l’altra nel tardo pomeriggio. I primi a scendere in pista sono stati i primi anno e le donne. La vittoria va ad Ettore Prà (Sportivi Del Ponte) che quasi allo sprint ha regolato Davide Donati e Simone Vari, con lui protagonisti della gara. Tra le donne allieve Romina Constantini continua la festa femminile in casa DP 66 battendo Valentina Corvi e la compagna di squadra Elisa Viezzi.
Tra gli allievi al secondo anno, che hanno corso al pomeriggio, il successo di Marco Betteo (Racing Team Rive Rosse) è stato sudato dopo una lotta testa a testa con Eros Cancedda, Federico De Paolis e Tommaso Ferri. I restanti gradini del podio sono all’appannaggio di Federico De Paolis e Tommaso Ferri.


LE GARE INTERNAZIONALI

Nel pomeriggio si sono corse le prove internazionali. Tra gli juniores è stata una gara da coltello tra i denti. Sotto lo sguardo attento del C.T. Fausto Scotti si son dati battaglia Davide De Pretto (Rinascita Ormelle), Bryan Olivo (DP66), Filippo Agostinacchio (Team Bramati), Cristian Calligaro (KTM Alchemist), il ceco Matyas Kopecky (Callant Dolcini) e Kevin Pezzo Rosola (DP66). Man mano che i giri aumentavano, con la pioggia, si scremava il gruppo davanti : quando sembrava cosa fatta per De Pretto è sopraggiunto un Bryan Olivo in grande spolvero che è riuscito prima a rientrare sul vicentino, poi a staccarlo per conquistare la vittoria di questa gara internazionale. Secondo è De Pretto e terzo Agostinacchio.
Anche la gara donne open è stata molto combattuta : in primis un gruppetto di 5 atlete con Baroni, Casasola, Gariboldi, Bulleri e Persico si sono messe in luce, poi nella snake in discesa Sara Casasola (DP 66)  ha preso un lieve margine di vantaggio che ha aumentato tornata dopo tornata, riuscendo a conquistare la vittoria nonostante una grande rimonta nel finale di Rebecca Gariboldi (Team Cingolani), giunta seconda. Terza si è classificata Francesca Baroni (Selle Italia Guerciotti) che ha preceduto Alessia Bulleri (Merida Italia) sempre leader del Master Cross SMP e Silvia Persico (L’equilibrio MTB). Prima Juniores è Nicole Pesse (DP66) su Alessandra Grillo (Selle Italia Guerciotti) e Lucia Bramati (Team Bramati).
Nelle gare open sono in 5 a darsi battaglia fin dallo start : il tricolore elite Gioele Bertolini (Cervelo FSA), quello Under 23 Jakob Dorigoni (Selle Italia Guerciotti), Filippo Fontana (Cs Carabinieri), Antonio Folcarelli (Race Mountain Folcarelli) e Nicolas Samparisi (KTM Alchemist SMP). Tra scatti e controscatti, restano a giocarsela in 3 : Fontana, Bertolini e Dorigoni. Tutti e 3 con ottime skills tecniche che in diretta Rai Sport hanno infiammato sia il pubblico a casa che quello qui presente con staccate al limite e grandi sorpassi. Alla fine d’un soffio vince Jakob Dorigoni su Gioele Bertolini con Filippo Fontana che chiude il podio e anticipa Antonio Folcarelli e Nicolas Samparisi, ancora leader del Master Cross SMP.

La prossima tappa del Master Cross SMP sarà il 8 Dicembre a Faè di Oderzo (TV).
Foto gallery dedicata sarà presente sulla pagina FB del Master Cross (@mastercrosscx) e sul sito www.trevisomtb.it

Partner storico del circuito Master Cross è la Selle SMP che sarà title sponsor, a cui si aggiungono quest’anno due nuove realtà internazionali: Tek Series e Specialized. Confermata anche la partnership con Permac, Rigoni di Asiago, ProAction, Northwave, Calinferno, Challenge e GSG Cycling Wear, che produrrà le maglie di leader per tutte le categorie.

Classifiche complete : https://bit.ly/2sxowQZ
Master Cross SMP: Dorigoni su Bertolini e Fontana nel fango e nella pioggia di Brugherio
photo credits Alessandro Billiani
6712 visualizzazioni


Ultimi Aggiornamenti

A Moschiano cresce l’attesa per il battesimo della nuova Moschiano Race Marathon
Nonostante qualche piccola difficoltà, procede a pieno ritmo l’allestimento e la preparazione della Moschiano Race Marathon che, per questa edizione, vedrà un imponente sforzo organizzativo da parte della Moschiano Mtb Adventure.
Italia sull’Olimpo, anzi, sull’Olympia. Marzio Deho campione del mondo assoluto. Andrea Righettini e Stefano Dal Grande vincitori della Dolomitica Marathon
ulla linea di partenza della Pineta, nella mattinata di oggi, sabato 25 giugno, c’era il mondo. Trenta nazioni rappresentate, 800 i partenti.In palio c’era la maglia iridata per la categorie master mtb, quella maglia dal fascino irresistibile: indossarla è un sogno, viverla, un’avventura unica. Per tutti e per tutto il mondo.
La Thuile esalta Luca Braidot e Martina Berta Il friulano e Giada Specia nuovi campioni di IIS
Con il gran finale di La Thuile, sabato 25 giugno si è conclusa la stagione 2022 di Internazionali d’Italia Series, il più importante circuito italiano di Cross Country MTB, che anche quest’anno ha offerto gare e protagonisti ai massimi livelli della disciplina a livello mondiale negli appuntamenti di San Zeno di Montagna, Nalles e Capoliveri, fino alla conclusione in Valle d’Aosta.
L’iridata Richards torna in Italia: a La Thuile per puntare al tris
Si va ormai delineando il campo dei rider e delle formazioni ai nastri di partenza di La Thuile MTB Race, la quinta e ultima tappa di Internazionali d’Italia Series. Sabato 25 giugno in Valle d’Aosta ci sarà anche la Campionessa del Mondo Evie Richards, che a La Thuile in questi anni ha fatto percorso netto, dominando entrambe le edizioni fin qui disputate di un evento che quest’anno ha conquistato la categoria UCI HC.
Dolomitica 2022. Vi presentiamo i favoriti
L’emozione della vigilia di un Mondiale ha un nome, anzi dei nomi. Vediamo quali sono quelli da seguire e … inseguire domani a Pinzolo, sui percorsi della Dolomitica 2022 UCI Marathon Masters MTB World Championships.
Fruet presenta il finale di Valsugana Wild Ride: “Sentieri fantastici da veri biker”
Non sempre la discesa è la parte più facile di un percorso. Chi è abituato a macinare chilometri in mountain bike lo sa: molto spesso dopo la salita si nascondono le insidie di un tratto veloce e tecnico che può fare davvero la differenza.


Altre Notizie »