GP Mamma e Papà Guerciotti

Sasha Weber e Francesca Baroni infiammano il GP Guercioti

,
photo credits ©Dario Belinghieri


Spettacolo all’Idroscalo di Milano con oltre 600 atleti che hanno animato la giornata organizzata da Selle Italia-Guerciotti-Elite


Lo sprint del tedesco Sascha Weber e la tenacia di Francesca Baroni hanno contraddistinto l’edizione numero 41 del Gran Premio Mamma e Papà Guerciotti internazionale di ciclocross.
In mattinata la nebbia ha avvolto l’Idroscalo, temperatura decisamente fredda, ma ci hanno pensato gli oltre 600 atleti a scaldare dell’evento organizzato dalla Selle Italia-Guerciotti-Elite.

La gara più attesa, la open maschile, ha parlato tedesco con il successo di Sascha Weber (Mountainbike Freiburg) capace di avere la meglio allo sprint dei tre italiani che con lui hanno animato le fasi decisive della corsa. Secondo posto per il beniamino di casa Jakob Dorigoni(Selle Italia GuerciottiElite), primo degli Under 23, terzo il bresciano Cristian Cominelli (Cycling Café) e quarto Filippo Fontana (Cs Carabinieri). Quinto posto per il valtellinese Gioele Bertolini (Cervelo FSA Cx Pro Team), che proprio oggi ha iniziato la sua stagione.

Sascha Weberha dichiarato: “Sono molto contento di questa vittoria. Era un percorso molto veloce, ho commesso qualche errore nella prima parte di gara, ma poi sono riuscito a recuperare velocemente e
all’ultimo giro mi sono portato davanti per non perdere nemmeno un metro dai miei avversari. Sono uscito per primo dall’ultima curva e sono riuscito a fare lo sprint giusto per vincere”.
Tutto sommato soddisfatto anche Jakob Dorigoni: “Volevo vincere, soprattutto qui in casa, con questo spettacolo la voglia era ancora più grande. Io ci ho provato fino in fondo, peccato che proprio nell’ultimo
tratto di percorso ho bucato e in volata sono rimasto a zero. Sono comunque contento. Per me è la terza gara stagionale e sto già abbastanza bene e questo mi dà fiducia per il futuro”.
Nel finale di giornata c’è stata la gara femminile open. Festa in casa per la toscana del team Selle Italia GuerciottiEliteFrancesca Baroni che negli ultimi giri è riuscita a fare la differenza e a staccare Rebecca Gariboldi (Team Cingolani), l’ultima a desistere e poi seconda al traguardo, mentre in terza posizione si è classificata la campionessa italiana Under 23 Sara Casasola (DP66 GiantSmp). Con il nono posto assoluto Carlotta Borello (Cicli Fiorin) è la migliore delle Donne Junior.


Entusiasta la Baroni: “Sono molto contenta di essere riuscita a vincere la gara organizzata dalla mia squadra. Sono riuscita a partire subito bene e a restare sempre davanti insieme a Rebecca Gariboldi. Poi al terzo giro a lei è scivolata la ruota e quando mi sono accorta che aveva perso qualche metro ho cercato di aumentare il mio vantaggio e ho tenuto duro fino all’arrivo, così sono riuscita a vincere. Dedico questo successo alla mia squadra, ad Alessandro e Paolo Guerciotti e al mio direttore sportivo Vito Di Tano”.


Nella sfida tra gli Juniores si è imposto l’azzurro Davide De Pretto, vicentino della Borgo Molino Rinascita Ormelle, che è riuscito ad avere la meglio del belga Matyas Kopecky(Callant-Coltcini CT), terzo Bryan Olivo (DP66 GiantSmp).

Spazio poi alle categorie giovanili: Nicholas Travella (Gs Cicli Fiorin) ha vinto la gara degli Esordienti nati nel 2006 precedendo Stefano Sacchet (Gs Sorgente Pradipozzo) e Luca Fregata (Focus XC Italy Team). Tra le Donne Esordienti successo della ligure Irma Siri (Gs Cadeo) che si è lasciata alle spalle Anita Baima (Gs Cicli Fiorin) e Alice Bulegato (Cs Libertas Scorzè).

Nella gara riservata agli Allievi nati nel 2005 primeggia Simone Vari (Race Mountain Folcarelli Team), secondo posto per Alessandro Mario Dante (Team Bramati) e terzo Elia Mares(Gs Sorgente Pradipozzo).
Tra le ragazze Allieve 2005 anno si conferma la valtellinese Valentina Corvi (Melavì Focus Bike). Accanto a lei sul podio di categoria salgono Greta Demichelis (Racing Team Rive Rosse) e Sofia Capagni (Race
Mountain Folcarelli).

Tra gli Allievi della leva 2004 anno trionfa Andrea Dallago (Campana Imballaggi) davanti ad Eros Cancedda (Gs Sorgente Pradipozzo) e Filippo Borello (Gs Cicli Fiorin). La gara femminile “2004” è stata vinta da
Eleonora Ciabocco (Team Di Federico Pink) che ha preceduto Martina Recalcati (Gs Cicli Fiorin) e Lisa Canciani (Jam’s Bike Team Buja).

La serie di sfide si era aperta con le prove riservate alle categorie amatoriali. Le vittorie assolute sono andate al campione europeo Massimo Folcarelli (Race Mountain Folcarelli) e tra le donne a Sabrina Di
Lorenzo (Asd Di Lorenzo).

CLASSIFICA ELITE:
1 Sascha Weber (Mountainbike Freiburg) 59:09
2 Jakob Dorigoni (Selle Italia GuerciottiElite) 59:10
3 Cristian Cominelli (Cycling Café) 59:11
4 Filippo Fontana (Cs Carabinieri)
5 Gioele Bertolini (Cervelo FSA Cx Pro Team) 59:22
6 Nicolas Samparisi (KTM Alchemist Selle Smp Dama) 59:24
7 Antonio Folcarelli (Race Mountain Folcarelli Team) 59:52
8 Samuele Leone (Team Lapierre – Trentino – Alé) 59:54
9 Martino Fruet (Team Lapierre – Trentino – Alé) 01:00:02
10 Davide Toneatti (DP66 Giant Smp) 01:00:17

CLASSIFICA DONNE ELITE:
1 Francesco Baroni (Selle Italia GuerciottiElite) 45:37
2 Rebecca Gariboldi (Team Cingolani) 45:45
3 Sara Casasola (DP66 GiantSmp) 46:57
4 Alessia Bulleri (Merida Italia Team) 47:06
5 Silvia Persico (L’Equilibrio – MTB) 47:14
6 Gaia Realini (Vallerbike) 47:14
7 Anna Oberparleiter (Team Lapierre – Trentino – Alé) 47:39
8 Nicole Fede (Selle Italia GuerciottiElite) 47:50
9 Carlotta Borello (Gs Cicli Fiorin) 48:16
10 Alessandra Grillo (Selle Italia Guerciotti) 48:25

CLASSIFICA JUNIORES:
1 Davide De Pretto (Borgo Molino Rinascita Ormelle) 42:01
2 Matyas Kopecky (Callant-Coltcini CT) 42:07
3 Bryan Olivo (DP66 Giant Smp) 42:26
4 Dario Lillo (Tower Sports VcEschenbach) 42:29
5 Filippo Agostinacchio (Team Bramati) 42:44
Sasha Weber e Francesca Baroni infiammano il GP Guercioti
photo credits Dario Belinghieri
5892 visualizzazioni


Ultimi Aggiornamenti

A Moschiano cresce l’attesa per il battesimo della nuova Moschiano Race Marathon
Nonostante qualche piccola difficoltà, procede a pieno ritmo l’allestimento e la preparazione della Moschiano Race Marathon che, per questa edizione, vedrà un imponente sforzo organizzativo da parte della Moschiano Mtb Adventure.
Italia sull’Olimpo, anzi, sull’Olympia. Marzio Deho campione del mondo assoluto. Andrea Righettini e Stefano Dal Grande vincitori della Dolomitica Marathon
ulla linea di partenza della Pineta, nella mattinata di oggi, sabato 25 giugno, c’era il mondo. Trenta nazioni rappresentate, 800 i partenti.In palio c’era la maglia iridata per la categorie master mtb, quella maglia dal fascino irresistibile: indossarla è un sogno, viverla, un’avventura unica. Per tutti e per tutto il mondo.
La Thuile esalta Luca Braidot e Martina Berta Il friulano e Giada Specia nuovi campioni di IIS
Con il gran finale di La Thuile, sabato 25 giugno si è conclusa la stagione 2022 di Internazionali d’Italia Series, il più importante circuito italiano di Cross Country MTB, che anche quest’anno ha offerto gare e protagonisti ai massimi livelli della disciplina a livello mondiale negli appuntamenti di San Zeno di Montagna, Nalles e Capoliveri, fino alla conclusione in Valle d’Aosta.
L’iridata Richards torna in Italia: a La Thuile per puntare al tris
Si va ormai delineando il campo dei rider e delle formazioni ai nastri di partenza di La Thuile MTB Race, la quinta e ultima tappa di Internazionali d’Italia Series. Sabato 25 giugno in Valle d’Aosta ci sarà anche la Campionessa del Mondo Evie Richards, che a La Thuile in questi anni ha fatto percorso netto, dominando entrambe le edizioni fin qui disputate di un evento che quest’anno ha conquistato la categoria UCI HC.
Dolomitica 2022. Vi presentiamo i favoriti
L’emozione della vigilia di un Mondiale ha un nome, anzi dei nomi. Vediamo quali sono quelli da seguire e … inseguire domani a Pinzolo, sui percorsi della Dolomitica 2022 UCI Marathon Masters MTB World Championships.
Fruet presenta il finale di Valsugana Wild Ride: “Sentieri fantastici da veri biker”
Non sempre la discesa è la parte più facile di un percorso. Chi è abituato a macinare chilometri in mountain bike lo sa: molto spesso dopo la salita si nascondono le insidie di un tratto veloce e tecnico che può fare davvero la differenza.


Altre Notizie »