Europei di ciclocross

Europei Master a Silvelle, Italia meglio di Olanda e Belgio

Numeri da record per i Campionati Europei di Ciclocross per le categorie amatori. Oltre 400 atleti iscritti e quindici maglie di campione continentale assegnate su un tracciato reso durissimo dal fango. Tre titoli per l’Italia, uno in più delle due nazioni storiche

,
photo credits ©Bettini Photo
513 visualizzazioni


Cambiano le età, i mezzi, gli stili, le durate. La fatica e la passione, quelle no. Nel pomeriggio di Sabato 9 Novembre a Silvelle di Trebaseleghe (PD) sono risuonate le note dei primi inni nazionali, e sono state indossate le prime maglie con le stelle sul petto: quelle delle categorie Master, protagoniste oggi della prima giornata dei Campionati Europei UEC di Ciclocross.

Ben quindici i Campioni Europei proclamati, dai 35 ai 75 anni. Quindici maglie bianche immacolate, ma per conquistarle gli atleti in gara hanno dovuto sporcarsi le mani e ben altro, facendo i conti con il fango di Silvelle, mai così duro e insidioso dopo gli acquazzoni di venerdì.

Una sfida che ha costretto i partecipanti a lunghi tratti bici in spalla (e i meccanici di supporto a un lavoro extra), e che è risultata in un’inevitabile selezione in tutte le categorie: oggi hanno vinto i più forti, e non avrebbe potuto essere altrimenti.


L’invasione degli appassionati è attesa per domani, domenica, quando Van Der Poel e soci faranno sognare gli amanti del ciclocross ai massimi livelli, ma le gare di sabato hanno già riportato a Silvelle l’atmosfera e le sensazioni del grande ciclocross a livello internazionale: tante le lingue parlate (19 le nazioni rappresentate in gara), sul percorso come ai bordi, appassionati e tifosi con tanta passione e poca paura di sporcarsi. E, al termine delle gare, lo spirito di amicizia e aggregazione tipico del ciclocross a qualsiasi livello: una stretta di mano, magari una birra, e si dimentica ogni “sportellata”.

Prima, però, è stata gara vera. Classe 1945, il britannico Victor Barnett è stato il più anziano a vestire la maglia di Campione Europeo (categoria uomini 75+), e fra i nuovi campioni figura anche il nome di Erik Dekker (categoria uomini 50-54), olandese dal lungo passato su strada ad alti livelli, vincitore anche di un Amstel Gold Race. L’Italia fa la parte del leone con tre titoli (Massimo Folcarelli fra gli uomini 45-49 anni, Lucia Pizzolotto fra le donne master 60+ e Beatrice Mistretta fra le donne 50-54) , lasciandosi alle spalle Belgio e Olanda, ma anche Gran Bretagna e Francia – tutte con due.

E, per una volta, ad ammirare a bordo strada gli amatori c’erano anche i Pro’: sia chi domani sarà solo spettatore interessato, come Martino Fruet e Nadir Colledani, sia chi invece nell’intervallo fra le prove libere ha cercato di trarre utili indicazioni per la gara di domani.

Chiuso il sipario sulle prove Master, cresce l’attesa per le prove che da domattina (il via alle 9.00 con le Donne Junior) accenderanno il pubblico di Silvelle. Tantissimi i contatti registrati negli ultimi giorni sui canali online ed offline, dalle vicinanze e non soltanto, a conferma che quando il ciclismo si cala in un contesto straordinario, fare la valigia è ancora più bello: la Valle Agredo, la Strada del Radicchio ed il Veneto tutto non vedono l’ora di farsi scoprire.

Infine, ci sono gruppi di tifosi che domani – anche in virtù delle ottime previsioni meteo - hanno scelto di arrivare tutti assieme, non in pullman ma in bicicletta, lungo il percorso ciclabile Treviso-Ostiglia. Per loro la grande festa di Silvelle comincia ancora prima.

I Campioni Europei delle categorie master:

Uomini - Categoria 75+: Victor Barnett (GBR)
Uomini - Categoria 70-74: Jean Bernard Galissaire (FRA)
Uomini - Categoria 65-69: Roy Hunt (GBR)
Uomini - Categoria 60-64: Mark Verloo (BEL)
Uomini - Categoria 55-59: Guido Verhaegen (BEL)
Uomini - Categoria 50-54: Erik Dekker (NED)
Uomini - Categoria 45-49: Massimo Folcarelli (ITA)
Uomini - Categoria 40-44: Augustin Navarro Vidal (ESP)
Uomini - Categoria 35-39: Ondrej Zeleny (CZE)

Donne - Categoria 60+: Lucia Pizzolotto (ITA)
Donne - Categoria 55-59: Suzie Godart (LUX)
Donne - Categoria 50-54: Beatrice Mistretta (ITA)
Donne - Categoria 45-49: Karine Temporelli (FRA)
Donne - Categoria 40-44: Maris Kaarjarv (EST)
Donne - Categoria 35-39: Elleke Claessen (BEL)


513 visualizzazioni




Ultimi Aggiornamenti

MediterraneoCross: l'8 Dicembre a Bisceglie per la 22° Coppa Città di Bisceglie – 9° Memorial Peppino Preziosa
Ultimi ritocchi al percorso che il prossimo 8 Dicembre vedrà impegnati circa 200 ciclopratisti alla 22° Coppa Città di Bisceglie – 9° Memorial Peppino Preziosa. La Polisportiva dilettantistica “Gaetano Cavallaro” sta apportando gli ultimi ritocchi per garantire un alto livello tecnico e spettacolo per tutti.
Dorigoni trionfa nel fango di Brugherio
Jakob Dorigoni ha regalato alla Selle Italia-Guerciotti-Elite un successo importante. Il corridore altoatesino ha vinto per distacco la prova di Brugherio del Master Internazionale Smp di ciclocross.
Master Cross SMP: Dorigoni su Bertolini e Fontana nel fango e nella pioggia di Brugherio
Ad un passo da Milano si sono svolte gare di altissima qualità, tutte combattute dall’inizio alla fine. La copertura in diretta web nella mattinata e le due gare clou su Rai Sport hanno dato la possibilità a tutti gli appassionati e non solo di scoprire questa disciplina da vicino.
Sasha Weber e Francesca Baroni infiammano il GP Guercioti
Lo sprint del tedesco Sascha Weber e la tenacia di Francesca Baroni hanno contraddistinto l’edizione numero 41 del Gran Premio Mamma e Papà Guerciotti internazionale di ciclocross.
GP Guerciotti: i principali protagonisti
L’organizzazione del Gran Premio Guerciotti ha riservato a Bertolini il numero 1. Alla competizione open femminile parteciperà la bergamasca Chiara Teocchi che nel ciclocross è stata Campionessa d’Europa delle under 23. Ora Chiara è della categoria elite.
Taveggia: Idroscalo degno del Mondiale
Il presidente dell’Istituzione Idroscalo è Paolo Taveggia, 67 anni, milanese e grande uomo di sport. Ha infatti lavorato per il Milan durante la presidenza di Silvio Berlusconi, poi con ruolo di notevole responsabilità nelle organizzazioni dei Campionati del Mondo di calcio di Italia ’90 e Stati Uniti ’94. Dal ’95 ha lavorato per l’Inter di Massimo Moratti. Le sue esperienze professionali riguardano soprattutto il calcio, ma Paolo Taveggia va considerato tuttologo dello sport.


Archivio completo »