Città di Castro Marathon

Città di Castro Marathon - sui sentieri del parco : 420 ciclo-amatori per una gara indimenticabile.

Continua il grande successo per la manifestazione dello scorso 22 settembre, che ha registrato numeri da record.

,
375 visualizzazioni


"Avete creato un evento memorabile e gestito in maniera impeccabile. Siamo ancora tutti con la mente e il cuore lì"; “La più bella gara ma anche la più dura, il cuore conferma”; “organizzazione al TOP, una delle gare più belle d’Italia”.
Questi alcuni dei tanti messaggi pervenuti a noi organizzatori della seconda edizione della “Città di Castro Marathon - sui sentieri del Parco”, tenutasi lo scorso 22 settembre,  che  continuano  a  distanza  di  una  settimana,  a  premiare  l’impegno  del  Ciclo-Club Spongano.

Una seconda edizione di fuoco inserita all’interno del calendario di Bicinpuglia e Basilicata ma anche prova valida per il Trofeo Intersud con assegnazione delle maglia (il trofeo intersud ha visto svolgere una tappa in Basilicata, una in Calabria e l'ultima qui in Puglia a Castro) e  2ª Prova valida per il Criterium Tricolore Nazionale Marathon (con tappe a Borgo San Lorenzo - FI, e Lido degli Scacchi - FE). Le soddisfazioni generali degli atleti confermano anche l’importanza storico sportiva di uno dei club delle due ruote più longevi del Salento: il Ciclo Club Spongano nasce infatti nel 1981 grazie all’impegno di 5 soci appassionati, alcuni dei quali praticano ancora questo fantastico sport. Un ruolo di spicco nel panorama locale, suggellato dall’altrettanto longeva e intensa amicizia con Pascal Richard, campione olimpico Atlanta 1996, cittadino onorario del comune di Spongano nonché ospite di questa seconda edizione della competizione.

L’ITINERARIO- Lo start è stato dato dal Porto di Castro, alle 9:30 con i primi chilometri tutti in salita sino al Castello, da 0 a 100 metri sul livello del mare da percorrere tutti d’un fiato. Da lì verso “Zona Canali”, la porta di accesso dei sentieri del Parco, per affrontare la seconda salita fino a “Monte Mattia”. In sequenza sono stati attraversati i comuni di Ortelle, Santa Cesarea Terme e Otranto in un itinerario a forma di “8” che ha toccato dopo il canalone di Porto Badisco le storiche Masserie dell’entroterra “Cippano” e “Le Crestre”. Un sentiero in discesa, di difficoltà tecnica medio-alta, ha condotto i biker in zona Sant’Emiliano,  un anfiteatro naturale delimitato da falesie relitte, praterie substeppiche, vecchi pascoli ed un piccolo isolotto posizionato al centro, vera ciliegina sulla torta del percorso. Il tratturo, dopo aver ruotato intorno a Torre Sant’Emiliano, giunge a Porto Badisco, una delle tre più importanti insenature che puntellano il perimetro costiero del Parco. Da qui si è percorsa nuovamente la doppia salita, quella denominata del “muraglione” e quella della Fraula, conosciuta al popolo della MTB come “salita dello Zio Pino”. In realtà, si tratta di un’antica mulattiera che sale da Porto Badisco sino Masseria Consalvi e questa segna sicuramente il passo anche dei più allenati.  Dopo, un selciato di età romana ha condotto i ciclisti sino alla Chiesetta della “Madonna della Loia”, alla periferia dell’abitato di Cerfignano.  Arrivati in zona Masseria Grande si è ripercorso al contrario il tratto iniziale, passando, in sequenza, il nuovo sentiero denominato “delle Striare” (a metà scogliera tra Santa Cesarea e Castro), i sentieri del Canalone di Ortelle e l’ultima salita sino a Castro alta con passerella finale (si fa per dire) intorno alle antiche mura messapiche della cittadina. Il tutto per 61 km di tracciato e 900 metri di dislivello.
I sentieri sono stati catalogati e ridescritti grazie ad un progetto finanziato dalla Provincia di Lecce ed è imminente la pubblicazione di una guida del Parco aggiornata e di un sito internet strettamente dedicato alla sentieristica.

I VINCITORI DELLA II EDIZIONE 2019
– Ospiti fuori gara della manifestazione oltre al campione olimpico Pascal Richiard, il professionisti del team Torpado Sudtirol Riccardo Chiarini e del team Cicli Sport 2000 Paolo Colonna. La straordinaria partecipazione all’evento è sottolineata dal fatto che i 420 atleti in gara si sono confrontati su un unico percorso di 61km, la competizione infatti non prevedeva né un percorso escursionistico né la presenza di partecipanti escursionisti o con e-bike ma bensì tutti atleti ciclo-amatori. Al via anche due atleti disabili Geremia Perrotto e Pierluigi Maggio (ASD Mollare Mai). Si aggiudicano il podio del percorso unico di 61Km con il tempo di 2h36’45’’: 1° Notarangelo Graziano (Asd NRG BIKE),  2°Cattedra Cosimo (Asd NRG BIKE), 3° Marra Eugenio (RH BIKE TEAM).
Conquistano  la  prima  piazza  per  la  categoria  Elite  Women  -  De  Pascali  Samantha  (ASD  TEAM CYCLOBIKE), Master Women - Tropiano Patrizia (Asd NRG BIKE), Allievi – Zollino Alessio (ASD IRON BIKE NARDO’), Elite Sport – Forte Gabriel (ASDC AMICI DEL VELODROMO), Master 1 – Lisi Stefano (CHIALA' CYCLING TEAM LOCOROTONDO), Master 2 - Bleve Andrea (ASD TEAM AURISPA),  Master 3 - Martini  Gianfranco    (CHIALA'  CYCLING  TEAM  LOCOROTONDO)    Master  4  -Fittipaldi  Alessandro (CICLISPORT2000 TEAM), Master 5 - Stomeo Luigi  (ASDC AMICI DEL VELODROMO), Master6 - Vestita
Ciro (CICLISPORT2000 TEAM),  Master 7+   Deleonardis Pietro (I CINGHIALI DELLA MURGIA). 

La maglia di Campione Intersud è stata invece conquistata per la categoria Elite Women da Vinci Rosalba (CHIALA' CYCLING TEAM LOCOROTONDO), Allievi – Sisto Alessio (CHIALA' CYCLING TEAM LOCOROTONDO), Elite Sport – Trisciuzzi Fabio (CHIALA' CYCLING TEAM LOCOROTONDO), Master 1 – Felice Angelo (ASD NEW CYCLING TEAM), Master 2 - Marra Eugenio (RH BIKE TEAM),  Master 3 - Martini Gianfranco  (CHIALA' CYCLING TEAM LOCOROTONDO),  Master 4 –Zilli Pierluigi (CICLISTICA VERNOLESE), Master 5 – Ingrosso Mauro  (ASD MTB MARTANO), Master 6 – Marino Pasquale (MTB TEBAIDE MASSAFRA),  Master 7+   Deleonardis Pietro (I CINGHIALI DELLA MURGIA).

Lo sforzo alacre degli organizzatori, impegnati nella performance sportiva in prima persona, sono stati largamente compensati dalla gioia degli atleti e del numeroso pubblico che ha preso parte ad un evento unico. “Siamo contenti anche della meravigliosa collaborazione con l'Ente Parco” concludono dal Ciclo-Club Spongano “in quanto siamo sicuri che questo tipo di eventi rappresenti un concreto esempio di competizioni sostenibili e contribuisca in modo vigoroso alla tutela e alla valorizzazione del nostro territorio, con ricadute importanti in termini di visibilità e appeal turistico.
Vi diamo appuntamento pertanto al prossimo anno! “


375 visualizzazioni




Ultimi Aggiornamenti

Parte il MediterraneoCross, con il Trofeo Ciclocross Città di Viggiano
Domenica 20 ottobre si è svolto il Trofeo Ciclocross Città di Viggiano, gara di ciclocross, organizzata dal Team Byker Viggiano, che non ha deluso le aspettative dei tanti crossisti presenti. L' evento era la prova di apertura del Trofeo MediterraneoCross 2019, una kermesse di quattro prove voluto da altrettante società ciclistiche di Puglia, Basilicata e Calabria.
Trofeo X-Country atto finale alla Masseria del Cuccaro
Ad Eboli è stata una domenica assolata quella che ha accolto alla Masseria del Cuccaro i bikers che si sono ritrovati per l’atto conclusivo della stagione di gare sotto legida della Federciclismo Campania.
L’allungo di Cominelli vale la vittoria de il Melo Cup
Il Master Cross SMP ha aperto oggi in Val di Non (Trentino) con “Il Melo Cup” e una mattinata tipicamente autunnale. Cielo grigio e fango hanno contraddistinto le prime due gare con il tempo che andava via via migliorando e il fondo che si asciugava notevolmente.
X-Country finale di stagione alla Masseria del Cuccaro
Ad una settimana dalla conclusione del Trofeo Giro della Campania Off-road un’altra finale è alle porte quella del Trofeo X-Country riservato agli specialisti della specialità Olimpica.
MediterraneoCross: tutte le informazioni nel regolamento ufficiale
Le ASD Team Bikers Viggiano - Viggiano (PZ), Belvedere – Belvedere M.mo (CS), Scuola di Ciclismo Tugliese - Salentino – Tuglie (LE), Polisportiva Gaetano Cavallaro – Bisceglie (BT), di comune accordo indicono una Challenge denominata “Trofeo MediterraneoCross”.
Giro d’Italia Ciclocross, a Corridonia la carica degli 800 premia la seconda tappa
Ricca di colpi di scena, con un tifo indiavolato e un pubblico inedito per le gare italiane. Ecco cos’è stata la seconda tappa del Giro d’Italia Ciclocross appena conclusa a Corridonia (MC), che dopo il decollo di domenica scorsa può dirsi ormai ampiamente in quota per il volo della sua undicesima edizione.


Archivio completo »