Sila EPIC

La Sila EPIC è di Jacopo Billi e Chiara Burato

,


Grande successo per la 4^ edizione della Sila Epic che ha visto primeggiare nel percorso più impegnativo Jacopo Billi e Chiara Burato.
Il sole ha brillato per gran parte della gara, arrivo bagnato per le donne.


Sila EpicDomenica 25 Agosto Camigliatello Silano (CS) ha ospitato la quarta edizione della Sila Epic organizzata dall’Asd Mountainbike Sila su tre percorsi tracciati sugli spettacolari sentieri del Parco Nazionale della Sila.

Una spendida giornata di sole ha accolto gli oltre 600 Biker che hanno riempito le griglie predisposte lungo il corso principale del bel centro silano. Tanti i big in gara tra i quali Jacopo Billi (Olympia Factroy Team), Mirko Pirazzoli (FRM Promo Bike), Riccardo Chiarini (Torpado Sudtirol), Paolo Colonna (Ciclisport 2000), Paolo Alberati (A&G Sporting Team), Pasquale Sirica (Pit Stop Racing Team) e tra le donne Chiara Burato (Team Andreis), Elizabeth Simpson (FRM Racing Team Sicilia), Lucia Minervino (Team Elios Code).

Alle ore 8.30 la prima partenza di giornata dedicata al percorso più duro e spattacolare, l’ Epic di 105 Km e 3.300 metri di dislivello. La prima salita di giornata verso Monte Curcio fa subito selezione, al comando restano in tre: Riccardo Chiarini (Torpado Sudtirol), Paolo Colonna (Ciclisport 2000) e Federico Mandelli (FRM Promo Bike) seguiti, con un ritardo di circa 20 secondi, da un gruppo di una decina di biker tirato da Jacopo Billi (Olympia Factory Team).

Nei chilometri successivi a provarci è Federico Mandelli che si porta da solo al comando inseguito dal gruppo con, tra gli altri, Billi, Chiarini, Colonna e Ferritto.

La fuga solitaria di Federico Mandelli dura però poco; dopo il trentacinquesimo chilometro l’atleta del “FRM Promo Bike Team” cede e lascia via libera ad un terzetto composto da Billi, Chiarini e Colonna, che nel frattempo si erano liberati dal resto del gruppo inseguitore.
Nella seconda parte di gara dopo la salita di “Botte Donato” Paolo Colonna è ritardato da una foratura lasciando via libera a Jacopo Billi e Riccardo Chiarini che procedono di comune accordo fino alla fine dell’ultima salita. Poco prima di scollinare Billi ci prova e riesce ad imboccare per primo la discesa che porta in picchiata verso il traguardo andando a vincere per la seconda volta consecutiva la Sila Epic con il tempo di 5h 14’ 21” seguito da Riccardo Chiarini che chiude in seconda posizione in ritardo di 25” dal vincitore.
Terza posizione per Paolo Colonna.

Per la gara femminile la veronese Chiara Burato (Team Cicli Andreis) prende da subito le redini della corsa seguita a debita distanza dalla romana Francesca Buonfiglio (Custom RDR) e in terza posizione da Lucia Minervino (Team Elios Code). Al quarantesimo chilometro Lucia Minervino è vittima di una foratura lasciando via libera ad Elizabeth Simpson (FRM Racing Team Sicilia). Il Sole ha brillato fino a poco prima dell’arrivo delle prime donne; dopo 6h 28’ 53” la prima a tagliare il traguardo, sotto la pioggia, è Chiara Burato che si lascia alle spalle Francesca Buonfiglio ed Elizabeth Simpson che chiude la sua gara in terza posizione.

Per la gara Marathon a vincere è Italo Carnevale (Paola Bike Team) e Manuela Calabrese (Mongibello Bike Team) mentre per quanto riguarda il classic a vincere è Angelo Tagliente (Ciclisport 2000) e Luminita Molinaro (Paola Bike Team).

Tutte le classifiche su www.mtbonline.it
La Sila EPIC è di Jacopo Billi e Chiara Burato
8070 visualizzazioni


Ultimi Aggiornamenti

A Moschiano cresce l’attesa per il battesimo della nuova Moschiano Race Marathon
Nonostante qualche piccola difficoltà, procede a pieno ritmo l’allestimento e la preparazione della Moschiano Race Marathon che, per questa edizione, vedrà un imponente sforzo organizzativo da parte della Moschiano Mtb Adventure.
Italia sull’Olimpo, anzi, sull’Olympia. Marzio Deho campione del mondo assoluto. Andrea Righettini e Stefano Dal Grande vincitori della Dolomitica Marathon
ulla linea di partenza della Pineta, nella mattinata di oggi, sabato 25 giugno, c’era il mondo. Trenta nazioni rappresentate, 800 i partenti.In palio c’era la maglia iridata per la categorie master mtb, quella maglia dal fascino irresistibile: indossarla è un sogno, viverla, un’avventura unica. Per tutti e per tutto il mondo.
La Thuile esalta Luca Braidot e Martina Berta Il friulano e Giada Specia nuovi campioni di IIS
Con il gran finale di La Thuile, sabato 25 giugno si è conclusa la stagione 2022 di Internazionali d’Italia Series, il più importante circuito italiano di Cross Country MTB, che anche quest’anno ha offerto gare e protagonisti ai massimi livelli della disciplina a livello mondiale negli appuntamenti di San Zeno di Montagna, Nalles e Capoliveri, fino alla conclusione in Valle d’Aosta.
L’iridata Richards torna in Italia: a La Thuile per puntare al tris
Si va ormai delineando il campo dei rider e delle formazioni ai nastri di partenza di La Thuile MTB Race, la quinta e ultima tappa di Internazionali d’Italia Series. Sabato 25 giugno in Valle d’Aosta ci sarà anche la Campionessa del Mondo Evie Richards, che a La Thuile in questi anni ha fatto percorso netto, dominando entrambe le edizioni fin qui disputate di un evento che quest’anno ha conquistato la categoria UCI HC.
Dolomitica 2022. Vi presentiamo i favoriti
L’emozione della vigilia di un Mondiale ha un nome, anzi dei nomi. Vediamo quali sono quelli da seguire e … inseguire domani a Pinzolo, sui percorsi della Dolomitica 2022 UCI Marathon Masters MTB World Championships.
Fruet presenta il finale di Valsugana Wild Ride: “Sentieri fantastici da veri biker”
Non sempre la discesa è la parte più facile di un percorso. Chi è abituato a macinare chilometri in mountain bike lo sa: molto spesso dopo la salita si nascondono le insidie di un tratto veloce e tecnico che può fare davvero la differenza.


Altre Notizie »