MTB Race del Monte Sirino

MTB Race del Monte Sirino : chi farà il bis?

,
1268 visualizzazioni


MTB Race del Monte SirinoMileo, Carnevale, Ferritto e Favale. Questi, in ordine cronologico, i vincitori delle prime quattro edizioni. Nessuno è riuscito a bissare la vittoria. 
La V MTB Race del Monte Sirino si preannuncia incerta e aperta più che mai. Il nuovo percorso si presenta con continui saliscendi. La prima vera salita inizia già al terzo chilometro. Tremilametri di ascesa con tratti tra il 10 e il 15% di pendenza.

In questa fase potrebbe esserci il primo vero frazionamento del gruppo. I successivi quattro chilometri sono piuttosto agevoli con diversi tratti in discesa.
Si tratta di un percorso largo che permette le alte velocità. Il fondo, tuttavia, si presenta con pietre lisce e spesso taglienti che possono riservare tagli e forature.
Giunti al chilometro 11 inizia l’ascesa principale della gara: 9 km di salita per un dislivello di 400 m circa.
La salita non si presenta particolarmente dura, tranne qualche tratto che supera anche il 15%.
Il segmento in questione si presenta prevalentemente all’ombra del Bosco della Canicella.

Giunti al km 20 si può pensare di scaricare gli ultimi watt per involarsi verso il traguardo del Lago Sirino.
Inizia, infatti, un tratto pedalabile con saliscendi continui ma brevi. La successiva vera asperità si dovrà affrontare al km 30: 1 km al 15%.
A questo punto non resta che volare fino al km 40 dove si avranno 1000 m di salita e poi la discesa definitiva fino al traguardo sul lungolago Sinisgalli.

A questo punto inizierà la festa del pasta party a cura del rinomato Ristorante da “Mimì”.

SCHEDA Gara e ISCRIZIONI


1268 visualizzazioni




Ultimi Aggiornamenti

MediterraneoCross: l'8 Dicembre a Bisceglie per la 22° Coppa Città di Bisceglie – 9° Memorial Peppino Preziosa
Ultimi ritocchi al percorso che il prossimo 8 Dicembre vedrà impegnati circa 200 ciclopratisti alla 22° Coppa Città di Bisceglie – 9° Memorial Peppino Preziosa. La Polisportiva dilettantistica “Gaetano Cavallaro” sta apportando gli ultimi ritocchi per garantire un alto livello tecnico e spettacolo per tutti.
Dorigoni trionfa nel fango di Brugherio
Jakob Dorigoni ha regalato alla Selle Italia-Guerciotti-Elite un successo importante. Il corridore altoatesino ha vinto per distacco la prova di Brugherio del Master Internazionale Smp di ciclocross.
Master Cross SMP: Dorigoni su Bertolini e Fontana nel fango e nella pioggia di Brugherio
Ad un passo da Milano si sono svolte gare di altissima qualità, tutte combattute dall’inizio alla fine. La copertura in diretta web nella mattinata e le due gare clou su Rai Sport hanno dato la possibilità a tutti gli appassionati e non solo di scoprire questa disciplina da vicino.
Sasha Weber e Francesca Baroni infiammano il GP Guercioti
Lo sprint del tedesco Sascha Weber e la tenacia di Francesca Baroni hanno contraddistinto l’edizione numero 41 del Gran Premio Mamma e Papà Guerciotti internazionale di ciclocross.
GP Guerciotti: i principali protagonisti
L’organizzazione del Gran Premio Guerciotti ha riservato a Bertolini il numero 1. Alla competizione open femminile parteciperà la bergamasca Chiara Teocchi che nel ciclocross è stata Campionessa d’Europa delle under 23. Ora Chiara è della categoria elite.
Taveggia: Idroscalo degno del Mondiale
Il presidente dell’Istituzione Idroscalo è Paolo Taveggia, 67 anni, milanese e grande uomo di sport. Ha infatti lavorato per il Milan durante la presidenza di Silvio Berlusconi, poi con ruolo di notevole responsabilità nelle organizzazioni dei Campionati del Mondo di calcio di Italia ’90 e Stati Uniti ’94. Dal ’95 ha lavorato per l’Inter di Massimo Moratti. Le sue esperienze professionali riguardano soprattutto il calcio, ma Paolo Taveggia va considerato tuttologo dello sport.


Archivio completo »