POLLINO MARATHON

Pollino Marathon : quando le ruote grasse e le bellezze naturali si sposano

,
photo credits ©Elisabetta Ciminelli



POLLINO MARATHONCi sono cose che dopo averle fatte un paio di volte ti annoiano, ci sono luoghi che, a furia di vederli, diventano abitudine, e poi c’è il Parco Nazionale del Pollino, con il suo fascino incontaminato ed il suo patrimonio naturalistico sterminato. Da tanta bellezza trae linfa vitale, per il 19imo anno consecutivo, la Pollino Marathon, una manifestazione che, oltre che alle capacità organizzative del suo team, deve tutti questi anni di vita al proprio territorio.


Il percorso, con partenza da Terranova di Pollino (PZ), uno dei comuni più virtuosi,svela gran partedella ricchezza naturalistica dell’area e tutto ciò che resta da vedere, come le vette di Serra Crispo, Dolcedorme, Pollino, il Giardino degli Dei e i Pini Loricati, sono stati solo alcuni dei motivi di ritorno per molti atleti.

La prima metà di gara presenta già uno dei suoi passaggi più suggestivi tra i sentieri che costeggiano la “Falconara”, un canyon dalle rocce a strapiombo e dalla natura arida. Dopo un breve tratto in discesa, subito dopo lo start, i 20 chilometri a seguire sono tutti gambe e fiato. Dai 900 metri slm della partenzain poi è tutto un salire fino alla conquista del GPM a 1703mt. Gli atleti qui saranno solo ad 1/3 di gara, ma proprio quando si potrebbe pensare cheil peggio sia passato, in realtà ci si renderà conto che questa tappa è davvero dura dall’inizio alla fine. Dopo lo scollinamento, infatti, inizieranno a perdere molta quota, ma qui nemmeno le discese danno spazio al riposo. Tra single track e qualche strappo dalle pendenze impossibili, ci sarà davvero poco tempo per riprendere fiato, anche se, quest’anno, almeno i lunghi passaggi in sottobosco, che nella precedente edizione avevano sommerso gli atleti nel fango a causa delle copiose piogge di giugno, non dovrebbero intimorire considerando lo slittamento della manifestazione al 28 luglio.  Passaggi tra i boschi di faggio e vedute aperte su panorami infiniti accompagneranno i bikers lungo questi chilometri. Dal 42imo chilometro si riparte con le salite aspre. Molto suggestivo qui il passaggio a “Pietra Sasso”, località che deve il suo nome alla particolare roccia che si impone nella vista dell’area. Nemmeno i chilometri finali verso il rientro in paese daranno scampo ai bikers:tra radici, gradoni e curve a gomito, il finale farà testare il manico e metterà a dura prova riflessi e stanchezza.

Come sempre non mancheranno spettacoli il sabato pre-gara, un ricco pasta party, premiazioni sempre all’insegna della tradizione e dell’artigianato (hanno divertito molto i tamburelli dell’edizione precedente), e un pacco gara firmato Pollino Marathon con la tshirt CMP running/dopogara.
Le novità dell’anno, però, sono tutte rivolte ai più giovani. Sabato 27 luglio alle 09.00, prenderà il via la seconda edizione della Pollino Marathon Young, prova per giovanissimi (g1/g6) (valida per il campionato regionale Basilicata). Mentre Domenica 28 luglio, dopo lo start, alle 10.15 partirà una prova XCO dedicata ad esordienti e allievi.

Le iscrizioni resteranno aperte fino alle 22.00 del 26 luglio su www.mtbonline.it (segui il link), mentre per regolarizzare il pagamento c'è tempo fino al 22 luglio alla quota di 30€, che diventeranno 40€ effettuando il pagamento in loco.
Pollino Marathon
Pollino Marathon : quando le ruote grasse e le bellezze naturali si sposano
photo credits Elisabetta Ciminelli
6555 visualizzazioni


Ultimi Aggiornamenti

A Palazzo San Gervasio il ciclocross pronto a stupire e a regalare emozioni con il Trofeo Re Manfredi
Con la novità dello status di gara nazionale FCI, l’impegno è davvero notevole perché oltre alla normale organizzazione dell’evento, valevole come quinta prova del Mediterraneo Cross e di campionato regionale FCI Basilicata, ci si prepara ad accogliere al meglio un gran numero di atleti e di società che provengono dalle regioni limitrofe ed anche da quelle più lontane.
Belvedere Marittimo a tutto ciclocross nel giorno dell’Immacolata Concezione
La sesta edizione del Trofeo Città di Belvedere coincide con il quarto appuntamento in seno al Mediterraneo Cross e la macchina organizzativa sta curando ogni dettaglio nei minimi particolari grazie al dinamismo dell’Asd Belvedere-Ciclone
Nel Salento nasce il progetto Leo Costruzioni Salis Bike
Il team Salis Bike ha una rosa di atleti che in ogni campionato fa incetta di risultati importanti. Tra questi c’è e c’era anche Elio Aggiano, l’allora ragazzo che già all’età di 10-12 anni mostrava il suo carattere ciclistico vestendo i colori della Delta Zero guidata dal coach Bovelli.
Quando il ciclocross incontra la neve: Fruet lancia lo spettacolo di Val di Sole
Il weekend appena trascorso ha coperto i Laghetti di San Leonardo a Vermiglio di una candida coltre nevosa. Mentre il termometro scende, sale a dismisura l’aspettativa per l’arrivo della Coppa del Mondo di ciclocross in Val di Sole, con la neve che sempre di più promette di essere l’ago della bilancia di uno spettacolo unico, quello che andrà in scena l’11 e 12 dicembre prossimi.
Filippo Fontana profeta in patria a Vittorio Veneto. Sara Casasola trionfa nella gara femminile
La 37^ edizione del Gran Premio Città di Vittorio Veneto, 3^ tappa del Master Cross Selle Smp, ha visto alla partenza più di 400 atleti. Il fango l’ha fatta da padrone, rendendo insidioso ogni centimetro di gara e costringendo gli atleti a scendere dalla bici in numerosi passaggi tecnici.
Domenica 5 dicembre ritorna il Ciclocross in Sicilia
Domenica 5 Dicembre si svolgerà la 2° prova del TRINACRIA CROSS FCI nella bellissima cornice della riserva naturale del bosco della Ficuzza, a due passi da Corleone (PA).


Altre Notizie »