Marathon degli Aragonesi

Civita incorona Colonna leader del Trofeo dei Parchi Naturali

,


Per il biker pugliese vittoria di misura sull'Imperticata


Un distacco di quasi sette minuti sui suoi diretti rivali.
Nella gara del Pollino secondo posto per il siciliano Andrea Privitera e terzo sul podio il paolano Italo Carnevale


E' stata una gara avvincente e dura per il percorso reso fangoso dalle piogge degli ultimi giorni ma pur sempre «affascinante. In quelle pozze mi sono divertito come un bambino. La Calabria ed il Pollino in particolare a livello di mountain bike non hanno rivali al mondo».
Paolo Colonna (Ciclisport 2000 Team) commenta così, al suo arrivo nella piazza di Civita, il percorso della sesta edizione della Marathon degli Aragonesi che oltre ad incoronarlo come vincitore di tappa con il tempo di 3:06:05 gli regala anche il primato in classifica generale nel Trofeo dei Parchi naturali.

Dietro di lui, distanziati di misura, si piazzano il siciliano Andrea Privitera a 3:12:51 (Team Jonico Megamo) con un distacco di 6'46 e il calabrese Italo Carnevale (Paola Bike Team) che ha fermato il cronometro di gara a 3:14:26.

Come sempre a decretare la sentenza sui piazzamenti da podio è stata l'Imperticata, la durissima salita del Monte Moschereto, che ha fatto selezione sugli oltre 400 corridori che hanno preso il via per la tappa sul Pollino che ha coinvolto i territori montani dei Comuni di Castrovillari, Frascineto e Civita.

Nei primi dieci chilometri, infatti, il gruppetto che animato la gara fin dall'inizio era composto da Favale, Colonna, Privitera, Matrisciano e Carnevale. Poi sulla salita regina della Marathon degli Aragonesi Paolo Colonna ha mostrato i muscoli ed ha staccato di oltre 3 minuti i suoi diretti inseguitori mettendoli in fila fino al traguardo finale nel comune arbereshe. Prima della partenza l'Asd Ciclistica Castrovillari - organizzatrice dell'evento sostenuto dal Parco Nazionale del Pollino e patrocinato dai Comuni di Civita, Frascineto e Castrovillari - ha ricordato con un lungo applauso il biker campano Santolo Napolitano, corridore del Trofeo dei Parchi, deceduto a seguito di una caduta su un sentiero nel Parco Nazionale del Vesuvio nel mese di Maggio.

La più veloce tra le donne in Marathon è stata Luminita Ionela Molinaro (Paola Bike Team) che ha fermato il timer di gara a 05:03:38 salendo sul gradino più alto del podio della tappa di Civita.
Alle sue spalle con 05:05:30 Domenica Mazzeo (ASD Vibo Bikers Skatenati) che ha chiuso l’anello tra i monti del Pollino anticipando sul traguardo Maria Chirico (Team Fuorisoglia).

Grande spettacolo ed agonismo lungo i passaggi variegati della gara che si è sviluppata attorno alla classica ed avvincente salita del Monte Moschereto prima di immergersi nel bosco della Fagosa e far ritorno a Civita che offerto un grande colpo d'occhio con la sua piazza vestita a festa per l'occasione.
A salutare la partenza i sindaci dei comuni toccati dal percorso, Alessandro Tocci (Civita), Angelo Catapano (Frascineto) e Francesca Dorato (vice sindaco di Castrovillari).

Soddisfatti gli organizzatori che hanno registrato grande interesse e partecipazione da parte degli atleti provenienti da ogni parte d’Italia e che hanno assicurato spettacolo ed agonismo senza tradire le aspettative di una gara che attraversa un Pollino inedito
. «Abbiamo regalato ai partecipanti - ha dichiarato Nardo Leogrande, presidente dell'Asd Ciclistica Castrovillari - una grande festa di sport valorizzando le nostre montagne e i borghi che rendono affascinante il Pollino».

Un grande lavoro di squadra che ha coinvolto tantissimi volontari per garantire una gara spettacolare e vibrante, da veri duri, ma disputata in tutta sicurezza anche grazie all'utilizzo dell'app Ride with Alex che ha permesso di monitorare i corridori in tutta l'evoluzione dei percorsi in montagna.

Tutti i dati ufficiali della gara su http://www.mtbonline.it/
Civita incorona Colonna leader del Trofeo dei Parchi Naturali
4403 visualizzazioni


Ultimi Aggiornamenti

L' 8 Novembre il Trofeo Cyclocross della Serra Salentina
Anteprima della seconda tappa del Trofeo Mediterraneo Cross
Francesca Baroni è sempre maglia rosa
Domenica scorsa la prova del Giro d’Italia di ciclocross si è svolta a Osoppo, in Friuli Venezia Giulia. Tutto ok per le ragazze del team Selle Italia – Guerciotti – Elite, dominatrici della corsa open: prima Francesca Baroni, seconda Gaia Realini.
Viggiano apre il sipario sul Mediterraneo Cross
Domenica 25 ottobre è andato in scena il “Trofeo Ciclocross Città di Viggiano”, prova d’apertura del Mediterraneo Cross gara Top Class e prova unica del Campionato Regionale Ciclocross Basilicata. Ottima la partecipazione, con oltre 150 specialisti del prato che si sono sfidati a colpi di pedale sul tracciato approntato nei terreni adiacenti l’Hotel Kiris.
Mandi Osoppo: in Friuli la festa rosa premia l’audacia e la prudenza (contro il Covid)
Un caloroso abbraccio da Osoppo, Friuli, con quello che è il tradizionale saluto di queste terre, più che un ciao una vera e propria benedizione rivolta all’interlocutore, una raccomandazione all’Altissimo. E una benedizione lo è stata per davvero la quarta tappa del Giro d’Italia Ciclocross disputata quest’oggi presso il Parco del Rivellino sotto l’egida della Federazione Ciclistica Italiana e l’organizzazione della Jam’s Bike Team Buja con la collaborazione dell’ASD Romano Scotti.
Giro Cross: Dorigoni e Baroni in Rosa
Domenica scorsa il team Selle Italia – Guerciotti – Elite del direttore sportivo Vito Di Tano ha partecipato alla terza prova del Giro d’Italia di ciclocross; si è svolta a Ladispoli, in Lazio. La squadra del presidente Paolo Guerciotti ha vinto la gara open maschile grazie al Campione d’Italia Jakob Dorigoni e quella femminile con Francesca Baroni. Dorigoni è maglia rosa con tre successi su altrettante prove disputate.
5° XC Grotta del Rosario
Domenica 18 Ottobre è andata in scena nello splendido scenario della Valle del Sele la vera mountain bike: un cross country veloce, tecnico, adrenalinico e tanto, tanto, bagnato. D'altronde chiunque faccia un salto nel piccolo paese a sud della provincia di Salerno non può esimersi da una rigenerante infangata. Figuriamoci se è un amante delle ruote tassellate


Altre Notizie »