Trentino MTB

Passo Buole Extreme, sul red carpet vince Andrea Righettini

Andrea Righettini vince con un tempo di 1 ora e 53 minuti, la Passo Buole Xtreme 2019, prima tappa del Circuito Trentino MTB. Chiara Burato, la prima in rosa a tagliare il traguardo di velluto di Palazzo Azzolini in 2 ore e 24 minuti

,
1948 visualizzazioni


Trentino MTBEdizione particolarmente Extreme per il maltempo, che non ha dato tregua ai 300 atleti in gara (erano 500 gli iscritti). Il percorso, comunque particolarmente apprezzato, era stato modificato all’ultimo per questioni di sicurezza. Grande successo per la novità del traguardo: l’arrivo in centro storico con un passaggio attraverso il cortile di Palazzo Azzolini, nel cuore quindi, della storia, dell’arte, della cultura di Ala. Percorso particolarmente apprezzato sebbene le condizioni meteo fossero davvero proibitive.

Plausi anche e soprattutto all’organizzazione guidata dal G.M. Stefano Mellarini che ha puntato tutto sulla sicurezza della gara.

Passo Buole XTreme 2019, estremamente Extreme. Pioggia, ma soprattutto tanto freddo, hanno messo a dura prova gli atleti. Il podio: Alessandro Righettini (GS Cicli Olympia), Dmitrii Medvedev (Metallurgica Veneta - GT Trevisan) e Elia Favilli (Soudal Leecougan). Podio rosa: sul gradino più alto Chiara Burato (Omap Cicli Andreis), Laura Val Abril Restrepo (Lapierre Trentino) e Simona Mazzucotelli (GS Massì Supermercati).


Di certo non si possono definire “a caldo” i commenti raccolti al traguardo dai due vincitori. Il re Andrea Righettini: “Oggi c’era una salita molto lunga, c’erano due ragazzi che andavano molto forte davanti a me, salivano a scatti, io con il mio ritmo sono riuscito a tenerli a tiro, sul finale della salta li ho raggiunti e sulla discesa mi sono scatenato, sono riuscito a conquistare qualche secondo che mi sono tenuto fino all’arrivo. Sono veramente contento di aver vinto vicino a casa, in Trentino, bene così!”. La regina Chiara Burato: “Ci tenevo tantissimo a vincere perché è una gara che mi piace tantissimo, per due anni di fila terza, quest’anno la voglia di partire era sotto zero per le condizioni meteo, però è stata bella. Un percorso nuovo, un percorso in sicurezza, fatto molto bene, la discesa bellissima!”.

Nella serata di mercoledì 8 maggio scorso, il Comitato Organizzativo della Passo Buole Xtreme, guidato da Stefano Mellarini, aveva deciso, per motivi di sicurezza, la modifica del percorso della gara. La problematica maggiore era legata al pericolo valanghe che interessavo il tratto Passo Buole - Val di Gatto. Nello specifico, è stata eliminata la salita al Passo Buole, quindi il tratto Località Fusi - Passo Buole - Val di Gatto.

Ecco come si presentava il nuovo percorso, da quest’anno completamente tabellato in collaborazione con il Comune di Ala e l’APT Rovereto e Vallgarina: giro nel centro storico di Ala, salita verso il Santuario di San Valentino lungo la nuova strada di Val Cipriana per tornare quindi ad Ala, imboccare la strada per Ronchi e al bivio per Pozzo, salire fino all’imbocco per Rom. Sempre suggestivo il passaggio all’interno dei vigneti di Maso Michei, ultima breve ma impegnativa salita della giornata.

La grande novità di questa edizione 2019 della PBX è stato l’arrivo in centro storico con un passaggio attraverso il cortile di un antico palazzo, nel cuore quindi, della storia, dell’arte, della cultura di Ala. Il grande portone di Palazzo Azzolini, per gentile concessione delle proprietarie, le sorelle Elena e Ornella Azzolini, è diventato così, traguardo logistico ma anche ideale, di un percorso che questo evento sportivo intraprende ogni anno insieme alla sua comunità. Un omaggio a tutto ciò che di fatto la PBX rappresenta.

La 5a edizione della Passo Buole Xtreme è la storica Granfondo di mountain bike sui percorsi della Grande Guerra della Vallagarina. Un evento sportivo che ha radici lontane: da 22 anni viene organizzata in territorio alense, una manifestazione autorevole dedicata alla mtb. 17 edizioni di Lessinia Bike e 5 di Passo Buole Xtreme, un progetto che intende contribuire allo sviluppo turistico della zona. Un’intera comunità impegnata a fianco della Società Ciclistica Ala nell’organizzazione di una manifestazione che è una vera e propria espressione del territorio.
Ogni anno la competizione alense viene dotata di un “tema guida”: in questa quinta edizione il tema  è stata la prevenzione. In collaborazione con la Stella d’Oro Vallagarina, tutti hanno potuto usufruire di un servizio gratuito di misurazione della pressione arteriosa e della glicemia.

Sono state diverse le manifestazioni a corollario della gara, tra cultura, intrattenimento e gastronomia, dedicate ai biker e alle loro famiglie, organizzate dalla Pro Loco di Ala con il patrocinio della Società Ciclistica Ala. Sabato 18 maggio, l’evento Passo Buole Xtreme Party, all’interno del quale ha trovato spazio la Mini Passo Buole Xtreme, gara promozionale dedicata a tutti i bambini, con il gruppo sportivo Vigili del Fuoco guidati dal Maestro Fabio Toniatti. La gara è terminata con il tradizionale Nutella Party finale a cura del Gruppo Scout di Ala 1. Ed inoltre, stand gastronomici, musica dal vivo, giochi dedicati ai più piccoli

Come ogni anno, un’alta qualità dell’assistenza è stata garantita lungo il percorso dalla Stella d’Oro Vallagarina, Croce Rossa Italiana sez. Rovereto, e dal Soccorso Alpino sez. di Ala, mentre l’assistenza ai ristori è stata garantita dalle associazioni locali quali: 5 Contrade di Marani, Malga Nonquar, Zengio Lonch, Cacciatori Ala, Cas Ronchi, Inter Club Ala, Gruppo Alpini M. Sartoni Ala e dai Carabinieri in congedo per l’assistenza al traffico. Senza dimenticare gli uomini del cantiere comunale che hanno aiutato nell’allestimento della logistica “partenza” e “arrivo”.
Da sempre fiore all’occhiello della manifestazione è il Pasta Party, curato nei minimi dettagli da oltre 15 anni dal gruppo Nu.Vol.A della Bassa Vallagarina, sotto la guida del responsabile Armido Campostrini.
Passo Buole Extreme, sul red carpet vince Andrea Righettini

1948 visualizzazioni




Ultimi Aggiornamenti

Internazionali d’Italia Series annuncia il calendario 2020: c’è anche Verona
La stagione 2020 della mountain bike è ormai alle porte, e come ogni annata olimpica che si rispetti, il carico di attenzione e aspettativa nei confronti dei protagonisti del Cross Country è già particolarmente alto. Sono tantissimi i protagonisti a caccia di punti e risultati per garantirsi il sogno della partecipazione a cinque cerchi a Tokyo, e molti di loro sceglieranno di farlo in Italia, negli appuntamenti di Internazionali d’Italia Series.
Gioele Bertolini e Santa Cruz-FSA si separano
Le strade di Gioele Bertolini e del Team Santa Cruz-FSA si separano. Dopo tre stagioni insieme, l’atleta lombardo lascia la formazione guidata dal Presidente Massimo Tabarelli, proprio a pochi giorni dall’esordio dal previsto debutto stagionale nella Mountain Bike a Lanzarote
A Monteriggioni nuovo percorso e nuovo sito
Il prossimo 15 marzo la Granfondo del Castello di Monteriggioni vivrà la sua 29esima edizione e in attesa dei festeggiamenti del 2021 le novità non mancano di certo, a cominciare dal nuovo sito, teambikepionieri.it, dall’immediata visualizzazione di ogni tema.
La Ronda Fiandre Trevigiane è per te che vuoi vivere un'esperienza innovativa
Niente classifica ne vincitori ma un modo nuovo e piacevole di vivere l’evento ciclistico. Un entusiasmante mix di muri, sconnessioni e stradine lontane dal traffico, che ti introducono nella magia del Giro delle Fiandre. E alla fine, oltre all'accoglienza nell'offrirti tutto quello di cui hai bisogno, troverai anche un esclusivo finisher kit.
Convenzioni FCI / EPS sottoscritte per il 2020
Si informa che alla data odierna - 21/01/2020 - hanno sottoscritto la Convenzione 2020 con la Federazione Ciclistica Italiana i seguenti Enti di Promozione Sportiva: AICS, ACSI, ASI, CSAIN, CSEN, CSI, ENDAS, LIBERTAS, OPES, US ACLI, UISP
Conto alla rovescia per la “Cape Epic italiana” Sei mesi ad Appenninica MTB Parmigiano Reggiano
Il countdown è cominciato: mancano solo sei mesi alla seconda edizione di Appenninica MTB Parmigiano Reggiano Stage Race. Dal 19 al 25 luglio 2020, l’Appennino Emiliano si popolerà di bikers provenienti da tutto il mondo, per una sette giorni di gara che vuole dare continuità e rilanciare sul successo ottenuto nella prima edizione.


Archivio completo »