Trofeo dei Parchi Naturali

Sold-out bis per la Marathon del Salento

,
photo credits ©Elisabetta Ciminelli
2151 visualizzazioni


Dopo il successo del 2018 era difficile pensare a come potesse essere disegnata un’edizione all’altezza di quella lasciata alle spalle.
Eppure, ad una settimana dall’evento, già si prospettano grandi cose in terra salentina.

Quota 1000 iscritti è stata già raggiunta da giorni, a conferma di un apprezzamento che fa della Marathon del Salento, la gara più ambita al sud. La ormai consolidata permanenza nel Trofeo dei Parchi Naturali, il rinnovo dell’inserimento nel “Prestigio MTB”, il gemellaggio con la 3TBike, di cui scopriremo sicuramente i particolari domenica, la presenza di Nando Popu, storico componente dei Sound Sound System che con la sua musica e la sua passione per la MTB esprime tutto l’amore per la sua terra, confermano la giusta rotta intrapresa ormai da anni dai ragazzi della MTB Casarano.

Con la seconda tappa, il Trofeo dei Parchi Naturali passa da un percorso breve ma nervoso, quello della Granfondo Parco del Sele ad un percorso lungo ma velocissimo, un percorso, inoltre, dove il fattore vento influisce tanto quanto in una tappa su strada.

Si passerà da una partenza su pista, quella del “Kartodromo Salentino, con un’atmosfera quasi da motogp, alle terre rosse arse dal sole rovente, per poi imbiancare le ruote sulle rocce di natura calcarea attorniate da una ricca vegetazione ed infine non manca il tuffo verso il mare. Ad accompagnare e guidare il cammino degli atleti, chilometri di muretti a secco tipici dell’area salentina, e distese di uliveti secolari. Ritmo quasi da cronometro, scelta tattica e fattore foratura solitamente sono le discriminanti per la vittoria.

La Marathon del Salento, però non è solo una tappa in mtb, è anche una dimostrazione d’amore verso una terra, una difesa, uno sfruttamento accorto e rispettoso di uno dei più grandi patrimoni naturali italiani. La generosità di questa terra, unita alla passione e al rispetto che il team capitanato da Daniele Torsello ha nei confronti di tanta meraviglia è la chiave del successo di questa tappa. La ciliegina sulla torta, poi, è stata negli anni la capacità di questi ragazzi di creare un evento che va al di là della competizione, senza mai accantonarla, va al di là della mtb, senza mai smettere di pedalare.

Un evento, insomma, a 360 gradi dove sport, natura e arte, si uniscono in una sola giornata.
Quella del 7 aprile!

Elisabetta Ciminelli
Staff Comunicazione TPN2019


2151 visualizzazioni




Ultimi Aggiornamenti

MediterraneoCross: l'8 Dicembre a Bisceglie per la 22° Coppa Città di Bisceglie – 9° Memorial Peppino Preziosa
Ultimi ritocchi al percorso che il prossimo 8 Dicembre vedrà impegnati circa 200 ciclopratisti alla 22° Coppa Città di Bisceglie – 9° Memorial Peppino Preziosa. La Polisportiva dilettantistica “Gaetano Cavallaro” sta apportando gli ultimi ritocchi per garantire un alto livello tecnico e spettacolo per tutti.
Dorigoni trionfa nel fango di Brugherio
Jakob Dorigoni ha regalato alla Selle Italia-Guerciotti-Elite un successo importante. Il corridore altoatesino ha vinto per distacco la prova di Brugherio del Master Internazionale Smp di ciclocross.
Master Cross SMP: Dorigoni su Bertolini e Fontana nel fango e nella pioggia di Brugherio
Ad un passo da Milano si sono svolte gare di altissima qualità, tutte combattute dall’inizio alla fine. La copertura in diretta web nella mattinata e le due gare clou su Rai Sport hanno dato la possibilità a tutti gli appassionati e non solo di scoprire questa disciplina da vicino.
Sasha Weber e Francesca Baroni infiammano il GP Guercioti
Lo sprint del tedesco Sascha Weber e la tenacia di Francesca Baroni hanno contraddistinto l’edizione numero 41 del Gran Premio Mamma e Papà Guerciotti internazionale di ciclocross.
GP Guerciotti: i principali protagonisti
L’organizzazione del Gran Premio Guerciotti ha riservato a Bertolini il numero 1. Alla competizione open femminile parteciperà la bergamasca Chiara Teocchi che nel ciclocross è stata Campionessa d’Europa delle under 23. Ora Chiara è della categoria elite.
Taveggia: Idroscalo degno del Mondiale
Il presidente dell’Istituzione Idroscalo è Paolo Taveggia, 67 anni, milanese e grande uomo di sport. Ha infatti lavorato per il Milan durante la presidenza di Silvio Berlusconi, poi con ruolo di notevole responsabilità nelle organizzazioni dei Campionati del Mondo di calcio di Italia ’90 e Stati Uniti ’94. Dal ’95 ha lavorato per l’Inter di Massimo Moratti. Le sue esperienze professionali riguardano soprattutto il calcio, ma Paolo Taveggia va considerato tuttologo dello sport.


Archivio completo »