Trofeo dei Parchi Naturali

GF Parco del Sele: Colonna rompe gli indugi, Minervino supera gli ostacoli.

,
photo credits ©Elisabetta Ciminelli



Trofeo dei Parchi Naturali 2019Il cielo mattutino di Domenica 10 marzo a Contursi Terme non prometteva nulla di buono. Nuvole grigie e pesanti si alternavano a fasce d’azzurro limpido. Non si poteva prevedere chi l’avrebbe avuta vinta, ma come capita ogni domenica di gara, nonostante il terrore della pioggia, organizzatori e bikers sono scesi in campo per dare il meglio senza farsi intimorire, consapevoli di voler affrontare tutte le difficoltà che la MTB racchiude in sé, non in ultimo il fattore meteo.

Alle 9.30, infatti, alle griglie di partenza si sono presentati circa 450 atleti incuranti di quei nuvoloni.
E hanno avuto ragione perché, alla fine, l’azzurro si è fatto spazio lasciando godere a tutti una prima tappa del Trofeo dei Parchi Naturali da incorniciare.

Sicuramente questa domenica sarà da incorniciare per i primi due leader virtuali del TPN19: Paolo Colonna (ASD CICLISPORT2000) e Maria Lucia Minervino (SPECIAL BIKERS ELIOS CODE FACTORY RACING).

Paolo Colonna
Per il pugliese, questa prima vittoria stagionale ha anche “un sapore diverso”, come confida sui social, perché è la prima con la nuova maglia.
Colonna, dopo aver temporeggiato in gruppo nei primissimi chilometri di gara, ha deciso di rompere gli indugi e mettersi subito all’attacco. Al 23imo km, infatti,aveva già raccolto 3 minuti di vantaggio sugli avversari.

Seppur autori di una buona gara, gli inseguitori hanno perso da subito il controllo sul fuggitivo sapendo di poter solo lottare per il resto del podio, che alla fine dei 45km si è composto così:Armando Nigro (CICLISSIMO BIKE TEAM-2°), Paolo Russo (ASD FEDERAL TEAM BIKE-3°), Italo Carnevale (PAOLA BIKE TEAM-4°) e Mirko Zanni (ASD TEAM OVER THE TOP-5°).

Grandi assenze sui podi di Contursi sono state quelle dei due “duellanti” dell’edizione 2018: Antonio Matrisciano (ASD TEAM GIUSEPPE BIKE) che, nonostante le sensazioni positive, ha dovuto cedere alla sfortuna accontentandosi di un 19imo posto e Andrea Privitera (TEAM JONICA MEGAMO), impegnato con il team su altri terreni di gara.

Lucia Minervino
Chi non manca proprio mai all’appello è Maria Lucia Minervino, leader indiscussa del Trofeo ormai da anni. Domenica ha conquistato ancora una volta la Maglia Fiorata chiudendo i 45km di Contursi in 2h39’30’’ seguita da Maria Rosaria Lazzari (ACSI Comitato Provinciale di Lecce).
Appena tagliato il traguardo, l’atleta calabrese non ha nascosto che questo percorso proprio non le piace, perché, allenandosi sul Pollino, è abituata a “salire saliresalire”.
A Contursi no, il cambio di ritmo e pendenze è frenetico e qui sa di mettere in discussione i propri ostacoli. Nonostante tutto, ai microfoni di Giulio Carbone, la Minervino si è detta molto felice di aver chiuso la sua miglior Granfondo Parco del Sele.


Gap molto più accorciati, rispetto alla lunga, tra i primi 5 della Mediofondo: Francesco Falbo (GIGABIKE-1°), Giovanni Scarcelli (ASD MOUNTAINBIKESILA-2°), Gabriele D’Amora (BARRACUDA BIKE CYCLING TEAM-3°), Giuseppe Scannello (LANDI SKATE SALERNO-4°), Francesco Aquino (ASD SUPERBIKE). Tra le donne ,Erika Pennino (ASD MOUNTAINBIKESILA) ritorna sui campi di gara del trofeo conquistando il podio sulla leader 2018, Tiziana Liguori (EXTREMEBIKE SALERNO).

RISULTATI


Le tensioni per la prima erano molto alte per gli organizzatori di un Trofeo che, dato il livello raggiunto, non può più permettersi di sbagliare.
Ma basta vedere il clima di festa che ha investito il gruppo raccolto nella piazza di Contursi per capire che la macchina organizzativa si muove bene, e non può che andare meglio.

L’appuntamento ora è al 07 aprile per la tappa più “prestigiosa” del Trofeo, la Marathon del Salento.

GF Parco del Sele: Colonna rompe gli indugi, Minervino supera gli ostacoli.
photo credits Elisabetta Ciminelli
9254 visualizzazioni


Ultimi Aggiornamenti

A Palazzo San Gervasio il ciclocross pronto a stupire e a regalare emozioni con il Trofeo Re Manfredi
Con la novità dello status di gara nazionale FCI, l’impegno è davvero notevole perché oltre alla normale organizzazione dell’evento, valevole come quinta prova del Mediterraneo Cross e di campionato regionale FCI Basilicata, ci si prepara ad accogliere al meglio un gran numero di atleti e di società che provengono dalle regioni limitrofe ed anche da quelle più lontane.
Belvedere Marittimo a tutto ciclocross nel giorno dell’Immacolata Concezione
La sesta edizione del Trofeo Città di Belvedere coincide con il quarto appuntamento in seno al Mediterraneo Cross e la macchina organizzativa sta curando ogni dettaglio nei minimi particolari grazie al dinamismo dell’Asd Belvedere-Ciclone
Nel Salento nasce il progetto Leo Costruzioni Salis Bike
Il team Salis Bike ha una rosa di atleti che in ogni campionato fa incetta di risultati importanti. Tra questi c’è e c’era anche Elio Aggiano, l’allora ragazzo che già all’età di 10-12 anni mostrava il suo carattere ciclistico vestendo i colori della Delta Zero guidata dal coach Bovelli.
Quando il ciclocross incontra la neve: Fruet lancia lo spettacolo di Val di Sole
Il weekend appena trascorso ha coperto i Laghetti di San Leonardo a Vermiglio di una candida coltre nevosa. Mentre il termometro scende, sale a dismisura l’aspettativa per l’arrivo della Coppa del Mondo di ciclocross in Val di Sole, con la neve che sempre di più promette di essere l’ago della bilancia di uno spettacolo unico, quello che andrà in scena l’11 e 12 dicembre prossimi.
Filippo Fontana profeta in patria a Vittorio Veneto. Sara Casasola trionfa nella gara femminile
La 37^ edizione del Gran Premio Città di Vittorio Veneto, 3^ tappa del Master Cross Selle Smp, ha visto alla partenza più di 400 atleti. Il fango l’ha fatta da padrone, rendendo insidioso ogni centimetro di gara e costringendo gli atleti a scendere dalla bici in numerosi passaggi tecnici.
Domenica 5 dicembre ritorna il Ciclocross in Sicilia
Domenica 5 Dicembre si svolgerà la 2° prova del TRINACRIA CROSS FCI nella bellissima cornice della riserva naturale del bosco della Ficuzza, a due passi da Corleone (PA).


Altre Notizie »