Anteprima

RIDE with ALEX!

,


2019, una stagione all’insegna della sicurezza


MTBonline - Ride DifferentLa stagione agonistica MTB 2019 è ormai alle porte.
Dalla ventennale esperienza di MTBonline.it maturata su oltre 500 campi di gara, in eventi di carattere regionale, nazionale ed internazionale, e dalla necessità di voler coprire tutti gli aspetti organizzativi di ogni evento, con particolare attenzione sull’aspetto della sicurezza, nasce RIDE with ALEX , un progetto ambizioso la cui finalità è il monitoraggio continuo dei riders in allenamento e in gara.


RIDE with ALEX è un semplice localizzatore, in grado di comunicare ad istanti di tempo regolari la posizione del rider, la distanza percorsa, la velocità.
Questi 3 dati sono sufficienti per avere un’informazione del movimento del concorrente, evidenziando una eventuale fase di stop in gara, a cui può seguire una azione di intervento in loco.

Se lo smartphone è di qualità, è anche possibile capire se il concorrente è in movimento, sfruttando l’accelerometro, ed avvalorare ulteriormente una eventuale situazione di “uomo fermo”.
Non solo: se il concorrente è fermo per troppo tempo, 5 minuti, primo indizio di “attenzione”, segue un fastidiosissimo suono emesso dall’app che invita il concorrente ad intraprendere un’azione.
Il concorrente po’ richiedere soccorso ed inviare la sua posizione via SMS, WhatsApp, direttamente dall’app.

Comunque, da remoto, occhi attenti dei followers oppurtunamente istruiti, oppure dell’organizzazione, sono in grado di monitorare tutti i riders, oppure queli di loro interesse e provvisti di smartphone, ed installato RIDE with ALEX, e specialmente coloro che si trovano in situazione di potenziale richiesta di soccorso, semplicemente visualizzandoli a video, su mappa, evidenziati da opportuni segnali di “attenzione”.

E’ evidente l’unica criticità del sistema: il funzionamento è dipendente dal grado di copertura dell’operatore telefonico scelto dal concorrente.

Infatti, mentre la ricezione della posizione è garantita dalla doppia tecnologia GPS + A-GPS, la trasmissione della posizione dipende dalla rete telefonica.

Attualmente l’app, che è in fase di testing da parte di utilizzatori direttamente sul campo, è realizzata in questa prima fase per i sistemi Android dalla versione 5 e superiori, per due motivi:
•    Esperienza/conoscenza diretta maturata sui sistemi Android.
•    Da esperienza possiamo affermare che tanti ciclisti sono restii a portarsi appresso un telefono, figuriamoci un costosissimo Apple.

A fronte di sviluppi futuri del progetto, è auspicabile anche la realizzazione di una versione per IOS.

Curiosità: perché chiamare una app con il nome ALEX?
ALEX (Alessandro), un nostro amico, è oggi un giovane esperto di arrampicata sportiva.
All’età di 16 anni, periodo in cui era un appassionato di mountain bike, a seguito di una brutta caduta in allenamento, uscito da solo, fu ritrovato per puro caso, dopo oltre due ore in stato di incoscienza, a terra , da un cercatore di asparagi.
Tenuto in coma per una settimana, e pericolo scampato, Alex ha imparato la lezione.

Oggi possiamo raccontarne il lieto fine, ma quanti ALEX conosciamo che, con un pizzico di imprudenza, escono da soli in escursione, trovandosi in difficoltà, senza che nessuno possa conoscere almeno la loro posizione in caso di necessità?

La nostra app non vuole essere una soluzione assoluta, anzi, sicuramente esistono molte altre soluzioni in grado di risolvere questo genere di situazioni, senza trascurare tuttavia le criticità descritte prima.
Ma vale la pena insistere e perseverare, migliorandola, raffinandola, sperando che nessuno ne abbia realmente bisogno.

Tuttavia, App o non, portate sempre con voi un telefono durante le vostre escursioni.
Lo sapevate che è anche possibile scattare belle foto ricordo?

Per info o semplice curiosità, visita www.mtbonline.it/live su cui visualizzare i riders in giro

Puoi scaricare l’app dal seguente link


N.B: l' APP è stata utilizzata con successo lo scorso 28 dicembre da Francesco Ioverno e Pietro Grande durante la loro attraversata della SILA in MTB! Leggi l'articolo

MTBonline - Ride Different

RIDE with ALEX!
13249 visualizzazioni


Ultimi Aggiornamenti

L' 8 Novembre il Trofeo Cyclocross della Serra Salentina
Anteprima della seconda tappa del Trofeo Mediterraneo Cross
Francesca Baroni è sempre maglia rosa
Domenica scorsa la prova del Giro d’Italia di ciclocross si è svolta a Osoppo, in Friuli Venezia Giulia. Tutto ok per le ragazze del team Selle Italia – Guerciotti – Elite, dominatrici della corsa open: prima Francesca Baroni, seconda Gaia Realini.
Viggiano apre il sipario sul Mediterraneo Cross
Domenica 25 ottobre è andato in scena il “Trofeo Ciclocross Città di Viggiano”, prova d’apertura del Mediterraneo Cross gara Top Class e prova unica del Campionato Regionale Ciclocross Basilicata. Ottima la partecipazione, con oltre 150 specialisti del prato che si sono sfidati a colpi di pedale sul tracciato approntato nei terreni adiacenti l’Hotel Kiris.
Mandi Osoppo: in Friuli la festa rosa premia l’audacia e la prudenza (contro il Covid)
Un caloroso abbraccio da Osoppo, Friuli, con quello che è il tradizionale saluto di queste terre, più che un ciao una vera e propria benedizione rivolta all’interlocutore, una raccomandazione all’Altissimo. E una benedizione lo è stata per davvero la quarta tappa del Giro d’Italia Ciclocross disputata quest’oggi presso il Parco del Rivellino sotto l’egida della Federazione Ciclistica Italiana e l’organizzazione della Jam’s Bike Team Buja con la collaborazione dell’ASD Romano Scotti.
Giro Cross: Dorigoni e Baroni in Rosa
Domenica scorsa il team Selle Italia – Guerciotti – Elite del direttore sportivo Vito Di Tano ha partecipato alla terza prova del Giro d’Italia di ciclocross; si è svolta a Ladispoli, in Lazio. La squadra del presidente Paolo Guerciotti ha vinto la gara open maschile grazie al Campione d’Italia Jakob Dorigoni e quella femminile con Francesca Baroni. Dorigoni è maglia rosa con tre successi su altrettante prove disputate.
5° XC Grotta del Rosario
Domenica 18 Ottobre è andata in scena nello splendido scenario della Valle del Sele la vera mountain bike: un cross country veloce, tecnico, adrenalinico e tanto, tanto, bagnato. D'altronde chiunque faccia un salto nel piccolo paese a sud della provincia di Salerno non può esimersi da una rigenerante infangata. Figuriamoci se è un amante delle ruote tassellate


Altre Notizie »