Trofeo Eracle

Ad Alberobello torna il Trofeo Eracle di mountain bike in memoria di Vito Palmisano

,



Sta marciando spedita verso la sua seconda edizione il Trofeo Eracle in programma domenica 3 marzo. Un evento reso possibile grazie all'impegno e alla passione dimostrata dall’Asd Eracle di Mino Calabretta, con il patrocinio dal comune di Alberobello e dall’assessorato allo sport, che riparte dal successo dell’edizione precedente per riproporre con successo la gara di cross country a coppie che tanto interesse e curiosità ha suscitato tra gli atleti e gli addetti ai lavori della mountain bike pugliese.


Una gara cross country di bellezza unica per il territorio attraversato dai bikers, tra i boschi e i tratturi caratteristici della zona dei Trulli ricadenti sia nel territorio di Alberobello che in quello di Martina Franca per complessivi 17,1 chilometri con partenza e arrivo fissati all’interno del Camping Bosco Selva, cuore pulsante di tutto lo svolgimento della manifestazione aperta anche alle bici a pedalata assistita.

Il merito di questa gara innovativa spetta all’Associazione Eracle che nasce nel novembre del 1995 unendo la passione per la mountain bike di alcuni bikers alberobellesi ed altri della vicina città di Noci. Il compianto presidente, Vito Palmisano, riuscì a portare in pochi anni l'associazione a distinguersi come società di riferimento della mountain bike con l’aiuto dei suoi ottimi collaboratori.

Alla base di tanto lavoro nel dietro le quinte, c’è uno scopo ben preciso: sostenere con gli introiti delle iscrizioni la ricerca scientifica per la cura della fibrosi cistica in collaborazione con la Proloco e la delegazione fibrosi cistica di Alberobello


Ad Alberobello torna il Trofeo Eracle di mountain bike in memoria di Vito Palmisano
6535 visualizzazioni


Ultimi Aggiornamenti

A Moschiano cresce l’attesa per il battesimo della nuova Moschiano Race Marathon
Nonostante qualche piccola difficoltà, procede a pieno ritmo l’allestimento e la preparazione della Moschiano Race Marathon che, per questa edizione, vedrà un imponente sforzo organizzativo da parte della Moschiano Mtb Adventure.
Italia sull’Olimpo, anzi, sull’Olympia. Marzio Deho campione del mondo assoluto. Andrea Righettini e Stefano Dal Grande vincitori della Dolomitica Marathon
ulla linea di partenza della Pineta, nella mattinata di oggi, sabato 25 giugno, c’era il mondo. Trenta nazioni rappresentate, 800 i partenti.In palio c’era la maglia iridata per la categorie master mtb, quella maglia dal fascino irresistibile: indossarla è un sogno, viverla, un’avventura unica. Per tutti e per tutto il mondo.
La Thuile esalta Luca Braidot e Martina Berta Il friulano e Giada Specia nuovi campioni di IIS
Con il gran finale di La Thuile, sabato 25 giugno si è conclusa la stagione 2022 di Internazionali d’Italia Series, il più importante circuito italiano di Cross Country MTB, che anche quest’anno ha offerto gare e protagonisti ai massimi livelli della disciplina a livello mondiale negli appuntamenti di San Zeno di Montagna, Nalles e Capoliveri, fino alla conclusione in Valle d’Aosta.
L’iridata Richards torna in Italia: a La Thuile per puntare al tris
Si va ormai delineando il campo dei rider e delle formazioni ai nastri di partenza di La Thuile MTB Race, la quinta e ultima tappa di Internazionali d’Italia Series. Sabato 25 giugno in Valle d’Aosta ci sarà anche la Campionessa del Mondo Evie Richards, che a La Thuile in questi anni ha fatto percorso netto, dominando entrambe le edizioni fin qui disputate di un evento che quest’anno ha conquistato la categoria UCI HC.
Dolomitica 2022. Vi presentiamo i favoriti
L’emozione della vigilia di un Mondiale ha un nome, anzi dei nomi. Vediamo quali sono quelli da seguire e … inseguire domani a Pinzolo, sui percorsi della Dolomitica 2022 UCI Marathon Masters MTB World Championships.
Fruet presenta il finale di Valsugana Wild Ride: “Sentieri fantastici da veri biker”
Non sempre la discesa è la parte più facile di un percorso. Chi è abituato a macinare chilometri in mountain bike lo sa: molto spesso dopo la salita si nascondono le insidie di un tratto veloce e tecnico che può fare davvero la differenza.


Altre Notizie »