Team Bianchi Countervail

Un regale Stephane Tempier torna sul trono della ROC d'Azur

Assolo del francese del Team Bianchi Countervail con Methanol CV, a sei anni dalla prima volta

,
1418 visualizzazioni


Sono passati sei anni, ma Stephane Tempier non se n’è accorto. Come già nel 2012 il francese del Team Bianchi Countervail ha vinto, in solitaria, la Roc d’Azur, gara di 52 km con un dislivello di 1.200 metri con partenza e arrivo alla Base Nature di Fréjus (Francia), domenica 14 ottobre.
Equipaggiato con Methanol CV, il 32enne di Gap ha chiuso la sua prova in due ore, 9 minuti e 19 secondi, con 1’37” di vantaggio su Victor Koretzky e 2’21” su Jordan Sarrou.

“La Roc mi piace perché è veloce ma ha belle salite e discese” aveva detto Tempier alla vigilia della gara e sul percorso di Fréjus ha confermato che non si trattava solo di una frase di circostanza. Non a caso, Tempier si era imposto nella Roc d’Azur già nel 2012, giungendo poi secondo due anni fa.

“Un finale di stagione perfetto per me: è stata una gara incredibile, stavo bene ed ero fiducioso. Ho attaccato dopo 18 chilometri sul Col du Bougnon, andando in fuga da solo. In vetta potevo gestire 45 secondi di vantaggio su Koretzky e Sarrou, ma sono riuscito a mantenere un’andatura elevata e ad aumentare il vantaggio oltre il minuto. Sono felicissimo” racconta Tempier.

“Abbiamo concluso nel migliore dei modi la stagione - le parole del team manager Massimo Ghirotto - con la vittoria in una gara internazionale di prestigio e con partecipanti importanti. Tempier si è confermato uno dei migliori corridori al mondo. Chiudere così il 2018 è stato emozionante per tutto il team”.


1418 visualizzazioni




Ultimi Aggiornamenti

Dorigoni, è l'ora del debutto. Eva Lechner: SI al Guerciotti
Domenica 17 novembre i ciclocrossisti del Gruppo Sportivo Selle Italia – Guerciotti – Elite parteciperanno alla gara internazionale di Saccolongo (Padova) valida per il Master Smp.
20 anni dopo è ancora Nys a Silvelle. Pieterse prima campionessa donne jr
Cambiano le generazioni ma la famiglia Nys è destinata ancora a far parlare di sé nel mondo del ciclocross. A vent’anni di distanza dal trionfo di Sven a Silvelle, in una storica prova del Superprestige, il figlio d’arte Thibau Nys si è aggiudicato la gara Uomini Junior dei Campionati Europei di Ciclocross.
Crispin e Alvarado Campioni Europei Under 23
Nella gara Uomini U23 si è iscritta anche la Francia al novero delle nazioni vincitrici di una medaglia d’oro ai Campionati Europei 2019. Merito di Mickael Crispin, vincitore a sorpresa, che ha preceduto con un grandissimo ultimo giro il belga Timo Kielich, secondo, e il connazionale Antoine Benoist, terzo.
Lechner Argento da sogno nel giorno della Kastelijn
Prima, imbattibile, Yara Kastelijn. Seconda una straordinaria Eva Lechner. È stato monopolio olandese nelle categorie femminili degli Europei di Ciclocross ma è soprattutto grande festa in casa Italia grazie a una performance di spessore dell’esperta altoatesina.
Non c'è due senza tre: Van Der Poel Batte il Belgio
Grande spettacolo e incertezza nella prova Uomini Elite. Alla fine, ancora una volta, trionfa Mathieu Van der Poel, che si porta a casa il suo terzo titolo europeo consecutivo, un’impresa mai completata in passato per un atleta abituato ai primati. Esce a testa altissima dalla battaglia sul fango Eli Iserbyt, che si è arreso alla forza del Campione del Mondo solamente nell'ultimo giro.
Trentino MTB, festeggiati i vincitori dell undicesima edizione
Nel pomeriggio di ieri, sabato 9 novembre, presso la Sala Don Guetti della Cassa Centrale Casse Rurali a Trento, si è tenuta la cerimonia di premiazione finale del l’undicesima edizione del Circuito Trentino MTB.


Archivio completo »