GimondiBike 2018

GimondiBike 2018: la prima volta di Alexey Medvedev e Mara Fumagalli

L’edizione numero 18 della GimondiBike Internazionale porta le firme del russo campione europeo Marathon Alexey Medvedev e dalle campionessa italiana Marathon Mara Fumagalli. Per entrambi è la prima affermazionale personale alla prestigiosa competizione di Iseo. Al via quasi 1.500 biker

,
2088 visualizzazioni


Su di loro cadevano i maggiori favori del pronostico, non fosse altro per la serie di successi messi in fila nelle ultime settimane, e le attese non sono state tradite: il russo campione europeo Marathon Alexey Medvedev e dalle campionessa italiana Marathon Mara Fumagalli sono i vincitori della GimondiBike 2018. Per entrambi si tratta della prima volta sul gradino più alto del podio della prestigiosa gara internazionale MTB organizzata dallaGimasportche ha portato a Iseo e sui sentieri della Franciacorta quasi 1.500 biker. Un lungo serpentone colorato, tanto entusiasmo e una gara spettacolare che ha scaldato anche il numeroso pubblico presente in viale Repubblica.

Prima del via il consueto brindisi per festeggiare il 76esimo compleanno del campione Felice Gimondi con in prima fila tutti i campioni, la figlia Norma, l’organizzatore Beppe Manenti, il main sponsor Nino Nulli e l’assessore al turismo, marketing territoriale, moda e design di Regione Lombardia Lara Magoni.

Questa nuova edizione della GimondiBike era particolarmente attesa perché presentava il rinnovato tracciato di 49,3 chilometri e il curioso attraversamento dal passaggio a livello di Borgonato e nuovi vigneti da attraversare che hanno aggiunto ancora maggiore fascino alla competizione.

Per quanto riguarda la cronaca della gara, quasi subito al comando della corsa si seleziona un quintetto destinato a condurre le danze per l’intera giornata. Davanti a tutti ci sono Samuele Porro (Team Trek-Selle San Marco), Alexey Medvedev (Cicli Taddei), l’estone PeeterPruus (Torpado-Sudtirol), Nadir Colledani (Bianchi Countervail) e il francese StephanTempier, sempre della Bianchi e campione uscente. Sfortunato il comasco Porro frenato da una foratura, ma poi capace di rientrare sulla testa della corsa.
In campo femminile, invece, dopo essersi staccata anche Greta Seiwald, restano al comando le due grandi favorite di giornata e vale a dire KatazinaSosna(Torpado-Sudtirol) e Mara Fumagalli (Focus XC Italy Team).

Il punto nevralgico della corsa è come sempre l’ultima salita alla Madonna del Corno. Qui riesce a fare la differenza proprio il russo Medvedev che scollina per primo con un tempo di scalata di 6’23” che rappresenta anche il nuovo record che fino ad oggi, con 6’29”, era detenuto dai due colombianiLeonardo Paez e Jhonatan Botero Villegas. Dietro al campione europeo passano nell’ordinePruus,Colledani, Porro e Tempier. Nella sfida rosa è la lecchese Mara Fumagalli ad aprire il gas in salita e a staccare definitivamente di ruota la Sosna.

Medvedev si proietta solitario verso il traguardo di Iseo e raccoglie festante il caloroso applauso del pubblico iseano. Secondo posto per Nadir Colledani, che tiene alto l’onore dei padroni di casa della Bianchi, terzo l’estone ex stradista PeeterPruus, grande sorpresa di giornata.
GimondiBike 2018 podio maschile


Solitaria al traguardo arriva anche Mara Fumagalli che si lascia alle spalle KatazinaSosna e ottimo il terzo posto di Chiara Burato (Focus XC Italy Team).

GimondiBike 2018 podio femminile


CLASSIFICA MASCHILE 2018
1 Alexey Medvedev (Cicli Taddei) 1:47:28
2 Nadir Coleldani (Bianchi Countervail) 1:47:45
3 PeeterPruus (Torpado-Sudtirol MTB Pro Team) 1:47:50
4 Samuele Porro (Team Trek-Selle San Marco) 1:48:09
5 StepahnTempier (Bianchi Countervail) 1:48:09
6 Andrea Righettini (Team Trek-Selle San Marco) 1:49:18
7 Cristian Cominelli (SoudalLeecougan MTB Racing Team) 1:49:27
8 Gioele De Cosmo (Team Trek-Selle San Marco) 1:49:38
9 Antoine Philipp (Velo RocCavaillon) 1:49:44
10 Domenico Valerio (KTM – Protek – Dama) 1:49:51

CLASSIFICA FEMMINILE 2018

1 Mara Fumagalli (Focus CX Italy Team) 2:03:06
2 KatazinaSosna (Torpado-Sudtirol MTB Pro Team) 2:03:44
3 Chiara Burato (Focus CX Italy Team) 2:10:40
4 Silvia Scipioni (Cicli Taddei) 2:10:44
5 Greta Seiwald (Team Focus Selle Italia) 2:13:04
6 Simona Mazzucotelli (GsMassì Supermercati) 2:17:32
7 Alessandra Teso (Sorriso Bike Team) 2:19:53
8 Anna Ongaro (Stefana Bike) 2.21:37
9 Martina Guerrera (MTB Increa Brugherio) 2:22:16
10 Katia Moro (Ciclisti Valgandino) 2:24:47


2088 visualizzazioni




Ultimi Aggiornamenti

MediterraneoCross: l'8 Dicembre a Bisceglie per la 22° Coppa Città di Bisceglie – 9° Memorial Peppino Preziosa
Ultimi ritocchi al percorso che il prossimo 8 Dicembre vedrà impegnati circa 200 ciclopratisti alla 22° Coppa Città di Bisceglie – 9° Memorial Peppino Preziosa. La Polisportiva dilettantistica “Gaetano Cavallaro” sta apportando gli ultimi ritocchi per garantire un alto livello tecnico e spettacolo per tutti.
Dorigoni trionfa nel fango di Brugherio
Jakob Dorigoni ha regalato alla Selle Italia-Guerciotti-Elite un successo importante. Il corridore altoatesino ha vinto per distacco la prova di Brugherio del Master Internazionale Smp di ciclocross.
Master Cross SMP: Dorigoni su Bertolini e Fontana nel fango e nella pioggia di Brugherio
Ad un passo da Milano si sono svolte gare di altissima qualità, tutte combattute dall’inizio alla fine. La copertura in diretta web nella mattinata e le due gare clou su Rai Sport hanno dato la possibilità a tutti gli appassionati e non solo di scoprire questa disciplina da vicino.
Sasha Weber e Francesca Baroni infiammano il GP Guercioti
Lo sprint del tedesco Sascha Weber e la tenacia di Francesca Baroni hanno contraddistinto l’edizione numero 41 del Gran Premio Mamma e Papà Guerciotti internazionale di ciclocross.
GP Guerciotti: i principali protagonisti
L’organizzazione del Gran Premio Guerciotti ha riservato a Bertolini il numero 1. Alla competizione open femminile parteciperà la bergamasca Chiara Teocchi che nel ciclocross è stata Campionessa d’Europa delle under 23. Ora Chiara è della categoria elite.
Taveggia: Idroscalo degno del Mondiale
Il presidente dell’Istituzione Idroscalo è Paolo Taveggia, 67 anni, milanese e grande uomo di sport. Ha infatti lavorato per il Milan durante la presidenza di Silvio Berlusconi, poi con ruolo di notevole responsabilità nelle organizzazioni dei Campionati del Mondo di calcio di Italia ’90 e Stati Uniti ’94. Dal ’95 ha lavorato per l’Inter di Massimo Moratti. Le sue esperienze professionali riguardano soprattutto il calcio, ma Paolo Taveggia va considerato tuttologo dello sport.


Archivio completo »