Trofeo dei Parchi Naturali

Di Salvo-Molinaro, imperatori Aragonesi!

,
photo credits ©Elisabetta Ciminelli
4535 visualizzazioni

Nonostante il sovraffollamento di gare in tutte le regioni del centro-sud, ieri mattina 400 bikers si sono posizionati alle griglie di partenza.
Tutto tranquillo prima della partenza: sole velato e clima ideale per affrontare i 64km della Marathon degli Aragonesi.
I big presenti allo start facevano pensare ad una gara che, oltre che per panorami e tracciato, avrebbe potuto regalare grande spettacolo.


Ed in effetti il Pollino ha incantato, e la sfida sin dalle prime battute è stata accesa dal testa a testa tra l’elite Giuseppe Di Salvo, (ASD Baaria) e un inaspettato Luigi Ferritto (ASD Team Giannini).
Di Salvo, approfittando del calo vertiginoso avuto nella seconda metà di gara dal leader del Trofeo dei Parchi Naturali, ha chiuso in testa con 03h15’52’’.
Nonostante il calo, formidabile la prestazione di Ferritto che, tra tutti quegli elite, aveva abbassato l’asticella delle aspettative e invece, chiudendo al secondo posto con solo +01.42, ha confermato il suo gran stato di forma.
La maglia fiorata del trofeo sembra ormai tatuata sulla sua pelle.
Dietro di lui, completa il podio Giuseppe Zagarella(Team Lombardo Bike) che precede di un secondo il compagno di squadra Farnisi Mirko. Top ten completata da Ioppolo, Ceci, Capogreco, Amendola, Di Donato, Fago.

Spettacolare anche la gara al femminile.
Intorno al 38imo km Elizabeth Simpson (ASD Mongibelo MTB Team) si presenta con un gran vantaggio sulle avversarie, ma nella seconda metà di gara, Luminita MOLINARO (CICLICIMA) mette in atto un incredibile recupero, guadagnandosi la testa della classifica e staccando l’avversaria di circa 7’. Al suo arrivo, seppur stremata, non ha negato sorrisi e parole di congratulazione per la macchina organizzativa che, a suo dire, ha saputo disegnare un percorso davvero stupendo, duro e tecnico al punto giusto.
Sul gradino più basso del podio una felicissima Lucia Minervino che, non solo migliora il suo tempo rispetto all’edizione 2016, ma consolida la sua leadership nel Trofeo.

Reduce dal successo di domenica scorsa in Abruzzo, Francesco Favale (Carbonhubo CMQ INFOTRE) conferma di essere l’uomo da battere sui percorsi medi. Dietro di lui Fidone Salvatore (Team Lombardo Bike) e Palermo Alex (ASD Super Team).
Tra atleti meravigliati dallo splendore del Pollino, atleti distrutti dopo aver affrontato la durissima imperticata, qualche lamentela sulla segnaletica che lascia il tempo che trova, dato che le testimonianze fotografiche dimostrano un percorso segnalato perfettamente, si è conclusa così la 4^ edizione della Marathon degli Aragonesi.

Una manifestazione organizzata da un team, l’ASD Ciclistica Castrovillari, soprattutto nelle persone di Francesco, Antonio e Carlo Limonti, che sanno cosa significa gareggiare e cosa significa far gareggiare. L’impegno e i risultati si sono visti anche quest’anno.

L’appuntamento con il trofeo è fissato al 25 giugno con la sua tappa cugina: la Pollino Marathon.

Elisabetta Ciminelli
Staff TPN2017


Lucia Minervino e Luigi Ferritto Leaders del Trofeo dei Parchi Naturali 2017

4535 visualizzazioni



Ultimi Aggiornamenti


Pollino Marathon. Quando la signora chiama, D’Agostino risponde.

A Terranova di Pollino, Marco D’Agostino si è presentato puntuale all’appuntamento con il traguardo più ambito del Sud, quello della “Pollino Marathon”.


Trofeo Mediterrae verso la finale di Ottati

Sta per giunge al termine il trofeo Mediterrae 2017. La tappa Campana di Ottati, che si svolgerà domenica 25 giugno, decreterà i vincitori dell’edizione 2017.


Matrisciano firma la prima edizione della XC Laceno

L’altipiano del Laceno è sito circa 1050 metri sul livello del mare, ai piedi del Monte Cervialto, è una nota località scistica campana e tappa d'arrivo del Giro d’Italia 2012.


Pollino Marathon. Dove il profumo di ginestra si mescola al sudore

A 900 mt s.l.m., Terranova di Pollino, per il terzo anno consecutivo punto di partenza della Pollino Marathon, è quella che si dice una vera località di montagna.


Colpaccio finale di Mandelli e Belotti. Ma il "Lagorai" è di Toldo e Deganello

Due non è il doppio, ma il contrario di uno, della sua solitudine. Due è alleanza, filo doppio che non è spezzato (Erri De Luca).


Dolomiti Lagorai MTB Challenge atto 2°. Toldo e Deganello decisamente "Over the Top"

Oggi 111 km e 3456 metri di dislivello, i due vicentini sono sempre leaders. I due capiclassifica sommano 12h2’59”, con Fabio Belotti e Chiara Mandelli a 16’. Domani ultima tappa di 53 km con 2290 m. nel Lagorai centro-meridionale ed in Valsugana


Archivio completo »