Marathon degli Aragonesi

Boom di iscrizioni per la Marathon degli Aragonesi

Superato ogni pronostico per la gara organizzata dall’Asd Ciclistica Castrovillari. Quasi 500 pre iscritti alla gara dell’Imperticata di domani 11 giugno. Limonti: ha vinto il nostro modello organizzativo e di promozione del territorio.

,
745 visualizzazioni

Il primo traguardo è già raggiunto.
Si puntava a superare quota 400 iscritti per l’edizione 2017 della Marathon degli Aragonesi. Ma le previsioni sono state abbondantemente superate facendo registrare nelle ultime ore un boom di iscrizioni che sfiora le 500 presenze di bikers in arrivo da Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Lazio, Emilia Romagna, Abbruzzo, Sicilia, Lombardia.
«Il nostro modello organizzativo di accoglienza e promozione del territorio ha vinto la sfida. Ne siamo orgogliosi – commenta Antonio Limonti, presidente dell’Asd Ciclistica Castrovillari - La nostra volontà di unire una gara sportiva con la valorizzazione dei nostri borghi e del Parco nazionale del Pollino è stata ampiamente ripagata. E di questo dobbiamo ringraziare le società sportive ed i corridori che ci premiano con la loro presenza e gli enti, in primis il Parco Nazionale del Pollino, con il presidente Domenico Pappaterra, ed i sindaci dei Comuni di Castrovillari, Frascineto e Civita, i quali hanno creduto nel nostro progetto e ci sostengono a vario titolo per questo evento».

Insomma tutto è pronto per l’edizione 2017 della gran fondo in mountain bike che partirà domani dalla centralissima Via Roma di Castrovillari, per arrivare, dopo 64 km di asperità e panorami straordinari ed unici, nel Villaggio Marathon presso il Parco giochi comunale di Via Polisportivo.
In mezzo un percorso dalle mille bellezze naturalistiche e tecnicamente valido ed impegnativo. Parte subito forte il percorso Marathon che dopo lo start da Via Roma registra 14 km di salita fino al Timpone Campanaro (con il primo ristoro) prima della breve discesa (la rock garden) che porta all’imbocco di Frascineto dove il percorso risale - con pendenze che in alcuni arrivano al 35% - verso l’Imperticata (con ben tre ristori previsti lungo il tracciato), la salita che caratterizza la gara. Pochi chilometri per rifiatare prima della nuova impennata lungo il crinale che conduce al Valico di Fossa (6 km in tutto aggiunti quest’anno rispetto al tracciato solito della Marathon) che il punto più alto di gara con i suoi 1634 metri di altitudine sul livello del mare. Poi la discesa veloce in single track dopo lo scollinamento che porterà i bikers verso Civita prima dell’ultimo saliscendi che conducono all’arrivo di Castrovillari.

La tappa castrovillarese valida per il Trofeo dei Parchi Naturali prevede anche un secondo percorso di gara il Point to point che dopo la prima parte simile al percorso Marathon subito dopo le pendenza aspre dell’Imperticata scende in single track verso Civita prima di far rientro a Castrovillari. Esonerati dalla dura salita del Monte Moschereto i partecipanti al percorso Escursionistico che faranno un po’ di salita nella prima parte del percorso (circa 7 km) prima del robusto saliscendi che li condurrà al Timpone Campanaro. Da lì in discesa fino al km 18 del percorso prima dell’ultima salita di giornata di 6 km dopo la quale scollineranno verso l’arrivo.

745 visualizzazioni



Ultimi Aggiornamenti


Pollino Marathon. Quando la signora chiama, D’Agostino risponde.

A Terranova di Pollino, Marco D’Agostino si è presentato puntuale all’appuntamento con il traguardo più ambito del Sud, quello della “Pollino Marathon”.


Trofeo Mediterrae verso la finale di Ottati

Sta per giunge al termine il trofeo Mediterrae 2017. La tappa Campana di Ottati, che si svolgerà domenica 25 giugno, decreterà i vincitori dell’edizione 2017.


Matrisciano firma la prima edizione della XC Laceno

L’altipiano del Laceno è sito circa 1050 metri sul livello del mare, ai piedi del Monte Cervialto, è una nota località scistica campana e tappa d'arrivo del Giro d’Italia 2012.


Pollino Marathon. Dove il profumo di ginestra si mescola al sudore

A 900 mt s.l.m., Terranova di Pollino, per il terzo anno consecutivo punto di partenza della Pollino Marathon, è quella che si dice una vera località di montagna.


Colpaccio finale di Mandelli e Belotti. Ma il "Lagorai" è di Toldo e Deganello

Due non è il doppio, ma il contrario di uno, della sua solitudine. Due è alleanza, filo doppio che non è spezzato (Erri De Luca).


Dolomiti Lagorai MTB Challenge atto 2°. Toldo e Deganello decisamente "Over the Top"

Oggi 111 km e 3456 metri di dislivello, i due vicentini sono sempre leaders. I due capiclassifica sommano 12h2’59”, con Fabio Belotti e Chiara Mandelli a 16’. Domani ultima tappa di 53 km con 2290 m. nel Lagorai centro-meridionale ed in Valsugana


Archivio completo »